Al Renato Curi il Perugia non va oltre l’1-1 contro la Salernitana: in goal per i campani Rosina mentre a pareggiare i conti per i ragazzi di Breda ci ha pensato Di Carmine.

Al settimo minuto gli ospiti sfiorano l’autogoal con Monaco che per anticipare Cerri devia il pallone messo in mezzo da Di Carmine verso la propria porta ma è bravo Casasola ad allontanare la sfera a pochi passi dalla linea. Qualche istante dopo ancora una volta vicino al goal il Perugia ma stavolta è il palo a dire di no a Gustafson, bravo ad inserirsi in area e raccoglie il cross basso di Pajac. Nonostante un grande inizio dei padroni di casa, a passare in vantaggio è la Salernitana con Rosina: Leali prima si supera salvando su Casasola in estirada poi non può nulla sul piazzato dell’ex Torino che porta avanti i suoi al 20esimo.

Dopo la rete del vantaggio, il Perugia non molla ma allo stesso tempo la confusione regna sovrana, facilitando il compito degli ospiti nel mantenere lo 0-1 fino al duplice fischio. Prima della fine del primo tempo, l’arbitro sceglie di ammonire per simulazione Cerri quando in realtà il pestone di Monaco c’è stato e la scelta corretta sembrerebbe proprio quella di assegnare il penalty agli umbri, scatenando di conseguenza ulteriori polemiche in una partita già di suo molto nervosa.

Come nei primi venti minuti della gara, parte forte il Perugia che riesce anche a trovare la rete del pareggio quando il cronometro segna il 50esimo. Bravo il solito Di Carmine a impattare di testa in piena area su cross dalla sinistra di Pajac, segnando l’1-1 e infiammando il Renato Curi.

Al minuto 66 Radunovic compie prima un intervento pessimo sul tiro dalla distanza di Mustacchio ma subito dopo, sulla ribattuta di Buonaiuto, è protagonista di una grande parata che salva il risultato. All’85esimo Diamanti calcia favolosamente un calcio di punizione ma Radunovic compie un vero e proprio miracolo deviando in angolo. Tre minuti dopo ancora strepitoso Radunovic, capace di respingere con i piedi una conclusione a botta sicura di testa di Cerri.

Dopo cinque minuti di recupero, l’arbitro Piscopo di Imperia manda le squadre negli spogliatoi sul risultato finale di 1-1.

PERUGIA (3-5-2): Leali 6; Volta 6, Belmonte 6, Magnani 6; Mustacchio 6.5, Gustafson 6 (61′ Diamanti 6.5), Bianco 6 (48′ Colombatto 6), Buonaiuto 6, Pajac 7 (77′ Terrani 6); Cerri 6.5, Di Carmine 6.5.  A disposizione: Santopadre, Nocchi, Zanon, Gonzalez, Del Prete, Kouan.  Allenatore: Roberto Breda.

SALERNITANA (3-5-2) : Radunovic 7; Mantovani 6, Tuia 6, Monaco 6.5; Casasola 6.5, Akpa Akpro 6.5 (83′ Ricci sv), Signorelli 6, Minala 5 (67′ Odjer 6), Vitale 6; Rosina 6.5, Bocalon 5.5 (70′ Rossi 6).  A disposizione: Adamonis, Asmah, Popescu, Schiavi, Di Roberto, Pucino,  Kiyine, Sprocati, Palombi. Allenatore: Stefano Colantuono.

Arbitro: Fabio Piscopo (sez. Imperia)

MARCATORI: Rosina al 20′ (SAL), Di Carmine al 50′ (PER)

AMMONITI: Di Carmine, Cerri, Colombatto (PER) – Minala, Monaco (SAL)

ESPULSI: –

TOP 90ESIMO – Radunovic 7: Grande partita dell’estremo difensore che si scatena nel finale dove compie vari interventi fondamentali ai fini del risultato.

FLOP 90ESIMO – Minala 5: Tanta confusione in mezzo al campo, rischia un cartellino rosso su Mustacchio. Brutta gara dell’ex Lazio.

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008