Perugia, Nesta: “Vogliamo la A. La cura per motivare la squadra? Vincere”

nesta
Alessandro Nesta è ufficialmente il nuovo allenatore del Perugia

Alessandro Nesta, neo allenatore del Perugia, ha parlato di come è nato questo amore fulmineo fra lui e la società umbra, anche se il contratto è solo di un mese, oltre che dei suoi obiettivi.

Di seguito le sue parole: “Saremo come due fidanzati, se ci piacciamo e siamo entrambi contenti ci sposeremo. Per me è l’anno zero. Spero che anche i tifosi capiscano e resettino tutto La Serie A è il sogno, ma per far ricordare a tutti il lavoro bisogna vincere e fare dei grandi playoff, perché se non si sogna e non si cerca qualcosa in più non va bene.

Il match con l’Empoli? Dobbiamo vincere per creare entusiasmo e per caricarci. Poi magari andiamo ad affrontare i playoff con un’altra mentalità. Tornare in A ed avere fame di obiettivi? E’ stato così anche per me da calciatore: ho fatto carriera perché non mi sono mai accontentato, non volevo essere uno normale. Tutti noi dobbiamo ambire al massimo. Come tirare su l’ambiente e caricarlo? Con che soluzione? Vincere. E’ l’unica ricetta che conosco. Dobbiamo dare tutto quello che c’è nelle gambe e nella testa.

Diamanti? Lo conosco da tempo, ci ho giocato contro, è un rompiscatole. Però è da dicembre che studio il Perugia, quindi so tutto. I leader in questa squadra ci sono, non faccio nomi, ma ci sono tanti uomini, ho trovato gente molto responsabile che fa di tutto per far sì che le cose vadano bene nello spogliatoio. I tifosi se hanno qualche problema vengono da me e possiamo risolverla, a parole ovviamente perché fisicamente non ce la faccio più. Il sistema di gioco? Non voglio stravolgere nulla, ma dobbiamo essere pronti a fare un paio di moduli e non si può improvvisare. Breda? Lui e lo staff che c’era prima mi hanno dato la possibilità di giocarmi i playoff, lo ringrazio tanto per l’occasione che mi hanno dato. Quando lo vedrò gli offrirò un caffè”.

CONDIVIDI
Amante di Inter e del calcio in tutte le sue forme, Classe 1995, redattore di Novantesimo. Come la squadra che ama, si sente un po' pazzo anche lui a volte. Telecronista per Sportube e Helpdesk per BonelliErede. Hobby? Videogiochi, serie tv e libri.