Antonino Barillà, centrocampista del Parma rivelazione di questo inizio di stagione e autore di una rete condite da due assist in 8 presenze, ha parlato ai microfoni di gianlucadimarzio.com della sua avventura con la maglia dei gialloblù.

Di seguito le sue parole: “Abbiamo cercato di lavorare nel migliore dei modi per farci trovare pronti. Sapevamo di dover affrontare un campionato difficilissimo, dove non si possono commettere errori. Nella prima partita contro l’Udinese, dopo essere passati in vantaggio, forse per colpa dell’emozione e dell’inesperienza ci siamo fatti raggiungere. Quell’esperienza c’è servita tanto per farci capire che dovevamo essere più compatti e più squadra; da allora abbiamo messo sempre qualcosa in più in campo per ottenere i punti che abbiamo conquistato. Un buon bottino anche se non bastano per il nostro primo obiettivo che è la salvezza. Arriviamo il prima possibile alla salvezza e poi avremo modo di divertirci e di pensare a qualcosa di più ambizioso.

La prossima sfida contro la Lazio sarà molto difficile, perché è una delle 5 squadre più forti della Serie A. Cercheremo di limitare i loro pregi. Perchè il Parma? Ho scelto il Parma qualche anno fa: ero in scadenza con il Trapani e avevo diverse possibilità, ma ho scelto di venire qui perché avevo ottimi rapporti con il direttore e il mister, che mi aveva già chiesto mesi prima. Parma non si può rifiutare, è una grande piazza. Ho accettato prima della finale playoff in C perché ero proprio convinto di venire qui, non mi interessava la categoria dal momento che avevo deciso di sposare il progetto gialloblu. Il mister ha fatto due promozioni importantissime, ha riportato il Parma nella massima serie. Il merito di questi risultati è anche suo”.

CONDIVIDI
Amante di Inter e del calcio in tutte le sue forme, Classe 1995, redattore di Novantesimo. Come la squadra che ama, si sente un po' pazzo anche lui a volte. Telecronista per Sportube e Helpdesk per BonelliErede. Hobby? Videogiochi, serie tv e libri.