Il Palermo sembra non trovare serenità dopo la retrocessione in serie B dello scorso campionato.

Secondo quanto riportato dall’Ansa, ad aggiungersi alle numerose e dure contestazioni stanchi della gestione della società di Zamparini, si registra quest’oggi una nuova perquisizione della Guardia di Finanza, tornata nella sede dei rosanero nell’ambito dell’indagine per i reati ipotizzati di falso in bilancio, appropriazione indebita, riciclaggio e autoriciclaggio.

Lo scorso 7 luglio le Fiamme Gialle avevano eseguito una serie di perquisizioni nella sede del club siciliano. Proprio in quell’occasione furono controllati anche gli uffici del Presidente Zamparini oltre che alla sua abitazione. Il patron dei rosanero ha già espresso la sua opinione sull’inchiesta che coinvolge il suo club: secondo il Presidente infatti, la vicenda sarebbe legata alla MePal (Merchandising Palermo) società del figlio, che ha spostato circa 57 milioni di euro durante diverse operazioni finanziare del club. Comunque, l’indagine potrebbe anche riguardare le tre società intestate a Zamparini: attraverso queste società (Centauro UK Ltd, Grel Ltd e Orione UK Ltd) sulle quali, nel 2013, sono transitati complessivamente 30 milioni di sterline (circa 33 milioni di euro) nello stesso periodo in cui la squadra rosanero stava retrocedendo in Serie B.

CONDIVIDI
Di Catania, appassionato di calcio a livello internazionale ma interessato a tutti gli sport, passione per il giornalismo sportivo.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008