Ottavi Europa League: Inter e Roma volano in Spagna. Getafe e Siviglia nel destino delle italiane

europa league

L’urna di Nyon ha disegnato il quadro degli ottavi di Europa League. Le due italiane ancora in corso nella competizione, ovvero Inter e Roma, dovranno giocarsi la qualificazione contro due squadre spagnole, cioè Getafe per i nerazzurri e Siviglia per i giallorossi.

Due sorteggi non felicissimi, di certo per Inter e Roma sarebbe potuto andare meglio ma allo stesso tempo sono state evitate squadre come Manchester United e Wolves, oltre alla scongiura di un derby italiano.

INTER

Il Getafe è una sorpresa spagnola degli ultimi tempi, già anno scorso è stato vicino all’accesso alla Champions League. La squadra allenata da Bordalas ha eliminato ai sedicesimi l’Ajax, squadra che avrebbe potuto essere una delle serie pretendenti per la vittoria finale. Nel proprio girone il Getafe si è qualificato secondo con 12 punti alle spalle del Basilea. Fin qui un ottimo cammino europeo del Getafe, che tuttavia non sta sfigurando nemmeno in campionato.

La classifica attuale della Liga vede infatti il Getafe a solo un punto di distacco dalla Champions, il quinto posto a 42 punti conferma quindi la forza e la pericolosità degli uomini di Bordalas, il quale dopo aver eliminato l’Ajax vorrà provare un altro colpo battendo i nerazzurri.

L’Inter dal canto suo non può permettersi di prendere sottogamba l’Europa League perché può essere una vera e propria possibilità di tornare ad alzare un trofeo dopo anni, ancora meglio per Conte se dovesse arrivare insieme alla conquista dello scudetto. Il Getafe di certo non era la squadra più pericolosa tra le sedici presenti nell’urna di Nyon, ma per i numeri citati sopra non è un avversario da sottovalutare.

Di certo gli spagnoli non hanno nulla da perdere in quanto si presenteranno al doppio impegno da sfavoriti, e questo come spesso accade può essere vantaggioso. L’Inter avrà più pressioni, l’andata si giocherà a San Siro e sarà importante non subire gol in casa. Conte dovrà preparare la partita anche da questo punto di vista, cercare di non incassare reti all’andata e guadagnare un buon vantaggio in ottica del match di ritorno che si giocherà allo stadio Coliseum Alfonso Perez.

ROMA

Certamente è andata peggio alla Roma, che sfiderà una squadra che da anni è presente nelle competizioni UEFA. Il Siviglia, inoltre, è riuscita a trionfare in Europa League per tre edizioni consecutive dalla stagione 2013/14 fino alla stagione 2015/16. La squadra di Lopetegui ha vinto il proprio girone con 15 punti e perdendo solamente una volta, all’ultima giornata contro l’Apoel Nicosia a qualificazione già ottenuta. Questa è al momento l’unica sconfitta europea del Siviglia in questa edizione, anche se ai sedicesimi è riuscita a qualificarsi solo con un doppio pareggio contro il modesto Cluj. L’1-1 all’andata, con il gol in trasferta all’82^ di En-Nesyri, si è dimostrato sufficiente per il passaggio del turno considerando poi lo 0-0 maturato in Spagna.

In campionato il Siviglia è quarto in classifica, è molto aperta la lotta per la Champions League con i maggiori rivali rappresentati da Atletico Madrid e il già citato Getafe. L’andata sarà in trasferta, ragion per cui la Roma dovrà cercare di segnare il maggior numero possibile di reti per agevolarsi in vista del ritorno. Nelle file del Siviglia troviamo gli ex milanisti Ocampos e Suso, quest’ultimo obiettivo giallorosso nel mercato di gennaio dopo l’infortunio di Zaniolo. Importante anche il discorso legato a Monchi, ex dirigente della Roma ed ora direttore sportivo del Siviglia.

IN CONCLUSIONE…

La Roma avrà un doppio scontro più impegnativo rispetto all’Inter, che come già spiegato non dovrà abbassare la tensione contro una squadra che potrà essere la rivelazione di questa edizione dell’Europa League. In generale affrontare le spagnole in competizioni europee non è mai facile e spesso negli ultimi anni sono state proprio loro a trionfare in finale, Champions o Europa League che sia.

Quindi servirà la massima attenzione per passare il turno e provare a vincere una competizione alla portata di Inter e Roma. Torneo ostico, certo, ma una coppa europea in bacheca manca da troppo tempo alle italiane e l’Europa League è stata spesso sottovalutata. Quest’anno servirà invertire il trend, l’eventuale eliminazione di due squadre spagnole potrebbe significare molto.

CONDIVIDI
15/10/99 Redattore di Novantesimo

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008