Qualsiasi tifoso milanista, anche i più giovani informati sulla storia passata del club, non può non sobbalzare al sentire il nome di Dejan Savicevic.

L’ex stella del Milan degli anni ’90, ora presidente della federcalcio del Montenegro, oggi compie 51 anni. In occasione di questa ricorrenza, i colleghi di Milantv lo hanno intervistato in esclusiva. Ecco le sue parole:

“Lo sto vivendo come un giorno normale, come tutti gli altri. Il 50° era stato differente, adesso fino ai 70 non li conterò e non li festeggerò come l’anno scorso”.

SULLA FINALE PERSA CONTRO L’AJAX NEL 1995: “Con me in campo avremmo avuto più chance di vincerla sicuramente. Stavo benissimo in quel periodo e mi è dispiaciuto non poter aiutare i miei compagni”.

SULLA VITTORIA DEL MILAN CONTRO L’AUSTRIA VIENNA: “Non ho visto la partita, ho visto i gol che ha fatto il Milan. Mi fa piacere perchè il Milan ha vinto con i miei ‘nemici’ a Vienna, avendo giocato nell’altra squadra della città. Sono ancora più soddisfatto che ha vinto con un risultato più ampio”.

SULL’ATTUALE SERIE A: “Questo campionato l’ho visto meno rispetto agli anni precedenti. Vedo i risultati, i gol. Non ho ancora visto una partita del Milan per poter giudicare. Il Milan deve dare tempo a Montella per costruire una squadra nuova. Io ho fiducia in lui che potrà fare meglio dell’anno scorso”.

QUALE GIOCATORE DI QUESTO MILAN SI AVVICINA A LUI: “C’è Suso che ieri sera ha fatto un grandissimo gol. E’ mancino come me, anche lui ha grandissimi colpi. E poi c’è Jovetic, mi sarebbe piaciuto vederlo al Milan e ne avevo parlato anche con Galliani a gennaio. E’ un grandissimo giocatore, costava una decina di milioni, con i prezzi che girano ora sarebbe stato un giocatore che avrebbe potuto fare la differenza”.

SU SUSO: “E’ un giocatore che può inventare un assist, inventare un tiro. Può inventare da un momento all’altro. E’ uno che ha maggiormente questa qualità rispetto a tanti altri”.

CONDIVIDI
Ho 22 anni e nella vita studio, per l'esattezza frequento la facoltà di Culture digitali e della Comunicazione alla Federico II di Napoli. Sogno di vivere un giorno grazie al giornalismo sportivo. Amo la musica e suono la chitarra da circa dieci anni. Redattore anche di IamNaples.it