Danni economici tra i dilettanti. Il calcio a 5 in attesa:”Attendiamo novità dalla Figc, vogliamo giocare”

calcio a 5

Nelle ultime settimane si è molto discusso di come il mondo del calcio ed in generale quello sportivo possa combattere l’emergenza, nata in questi mesi con il Coronavirus. Sentiamo spesso parlare di Serie A, serie B o Champions League e dimentichiamo che oltre a loro ci sono milioni di persone che giocano su campi di calcio nelle categorie inferiori o direttamente in mondi paralleli, ma allo stesso tempo completamente diversi come il calcio femminile ed il Futsal. A tal proposito abbiamo ascoltato in esclusiva Biagio Rasulo, direttore sportivo dell’ASD Futsal Quarto, piccola realtà campana militante nella serie D di Futsal (calcio a cinque). Ecco le dichiarazioni del dirigente del club:

Il campo manca, c’è molta nostalgia di quello che avevamo fatto fino ad un mese e mezzo fa. Vedere tutti i giorni i ragazzi allenarsi e mettere impegno per la loro passione, il Futsal, era fantastico e fermarsi cosi di colpo non è affatto semplice. In questo momento però la salute di tutti noi va sopra ogni cosa. Ripresa campionato? Ho poca fiducia circa questa possibilità, non vedo le condizioni e le tempistiche necessarie per la ripresa del campionato“. Ricordiamo che in questo momento la Futsal Quarto è impegnata nel campionato di Serie D di Futsal ed è al quinto posto in classifica, a soli sei punti dalla capolista Procida Futura.

Poi continua Rasulo: “La situazione ha toccato tutti noi, siamo in attesa di sviluppi sia per una questione economica che sanitaria. I ragazzi si stanno allenando da casa, siamo sempre a stretto contatto con loro, cercano di rispettare una dieta e provano a fare il possibile a casa loro. Non c’è alcuna certezza sul rientro, ma i ragazzi non vogliono farsi trovare impreparati nell’eventualità si ritorni a giocare”.

Continua: “Anche noi facciamo riferimento dalla Figc e aspettiamo novità dalla Figc, dal Coni e dal Governo. Siamo in trepidante attesa di novità e di informazioni sulle misure di sicurezza che potremo avere. Noi vogliamo giocare, è la nostra passione e questo vorrebbe dire non gettare al vento la passione sportiva e anche che le nostre spese economiche non siano state vane. Ovviamente accetteremo qualsiasi decisione venga presa”. Serie A? “Se si riprenderà è solo per una questione economica, sappiamo l’impatto che avrebbe la non ripresa del campionato sul sistema calcio italiano. Si sta facendo di tutto per far riprendere, specialmente per una questione economica”.

Abbiamo ascoltato la dirigenza della Futsal Quarto, una società no-profit ma cosi come loro tanti club dilettantistici nel panorama italiano sono alle prese con una situazione di maggiore difficoltà causata dalle enormi spese che bisogna affrontare. In questi giorni Gravina e Spadafora sono in una costante lotta per provare a definire questa stagione, ma al di là della Serie A e della Serie B ci sono centinaia di piccole aziende calcistiche in trepidante attesa di conoscere il proprio futuro e nessuno ha il diritto di lasciarle in balia del proprio destino.

CONDIVIDI
Salve a tutti, mi chiamo Mario e sono un grande appassionato di calcio. Inoltre mi interesso anche ad altri sport come tennis, basket e nuoto. Per il futuro il mio sogno è diventare un grande giornalista sportivo. Non dico la squadra del mio cuore, sta a voi indovinarla... :=)

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008