Natale al Novantesimo – Cosa serve sotto l’albero dell’Atalanta

Sede del mercato di gennaio
Hotel dove si svolge il mercato di gennaio

Benvenuti in una nuova puntata di “Natale al Novantesimo”, rubrica partita con Milan e subito dopo con Chievo Verona, ma oggi cambiamo club. ”Cosa vuole” l’Atalanta dal mercato di gennaio?

Oggi parleremo dell’Atalanta di Giampiero Gasperini, che ha disputato una prima parte di stagione piuttosto altalenante, alternando eccelse prestazioni in Europa League, valse il primato nel girone e la conseguente qualificazione ai sedicesimi, ad un andamento piuttosto incostante in campionato. I nerazzurri al momento occupano il dodicesimo posto, distando tuttavia soltanto sette punti dal sesto posto con una partita in meno rispetto alle altre.

Il vero Tallone d’Achille dei bergamaschi da agosto a questa parte è stato sicuramente la mancanza di continuità nelle partite giocate in trasferta: troppi infatti i punti lasciati per strada, anche con avversari sulla carta abbordabili; di tutt’altro tipo invece l’approccio nella partite tra le mura amiche, da cui nessuna squadra è riuscita ad uscire con i tre punti. Potendo contare su un vantaggio enorme come il “fattore casa”, nel caso in cui la Dea dovesse riuscire a racimolare più punti lontano dall’Atleti Azzurri d’Italia, potrà lottare per il sesto posto, al momento presidiato dalla Sampdoria di Marco Giampaolo. Quest’Atalanta ha bisogno di qualcosa nel mercato di gennaio?

Cosa vorrebbero trovare i tifosi dell’Atalanta sotto l’albero di Natale?

Continuità: come detto in precedenza, la squadra di Giampaolo Gasperini ha assolutamente bisogno di trovare maggiore continuità di risultati per poter ambire anche questa stagione a qualificarsi per le coppe europee; nel corso del girone d’andata infatti sono stati gettati alle ortiche punti preziosi nei match in trasferta (emblematica in questo caso la sconfitta alla Dacia Arena con l’Udinese) e con le piccole (basti pensare al pareggio in casa contro la Spal). Questo non si può acquistare nel mercato di gennaio.

Se il tecnico atalantino dovesse riuscire a toccare le corde giuste, non è impensabile una rimonta da parte della Dea sulle altri pretendenti per un posto in Europa; molto in questo senso dipenderà dalla capacità dei giocatori di entrare in campo con maggiore cattiveria e determinazione, dal momento che molti dei gol subiti sono arrivati negli ultimi minuti, sintomo di continui cali di concentrazione.

– Vista la poca fiducia di Gasperini in Gosens e Castagne ed il rendimento non eccelso di Hateboer, gli orobici potrebbero aver bisogno di un laterale che abbia già giocato a 5 e che conosca il campionato.

Il profilo ideale sembrerebbe essere quello di Davide Calabria. La trattativa però tutt’altro che agevole: il giovane terzino ha appena rinnovato con il Milan. L’opzione del prestito potrebbe accontentare entrambe le parti, ma bisogna vedere se i rossoneri accetteranno di lasciar partire un giocatore in un reparto che annovera pochi elementi a disposizione.

In alternativa i nerazzurri potrebbero provare con Luca Antonelli, che ha vissuto le migliori stagioni proprio con Gasperini in panchina.

Una punta che segni: Petagna lavora tanto per la squadra ma è poco efficace nel buttare la palla in porta, Cornelius non sembra essersi ancora totalmente integrato. Perchè non puntare su Falcinelli, che sta incontrando difficoltà a Sassuolo ma è stato il vero artefice – a suon di gol – della miracolosa salvezza del Crotone?

 

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008