Natale al Novantesimo – Cosa serve sotto l’albero della Sampdoria

Sede del mercato di gennaio
Hotel dove si svolge il mercato di gennaio

Benvenuti a tutti i lettori ad un nuovo appuntamento con “Natale al Novantesimo”, rubrica ideata e sviluppata da noi di Novantesimo nella quale facciamo il punto della situazione di ogni squadra della Serie A dopo esser arrivati ormai quasi a metà stagione e vicinissimi al mercato di gennaio.

Le stiamo analizzando tutte. Partiti con il Milan, desideri del Chievo Verona, toccando gli obiettivi dell’Atalanta dalla Juve alla Sampdoria…

Trovandoci nel periodo natalizio e, come detto, alle porte del calciomercato invernale, in questa rubrica proveremo a svelare i “regali di Natale” che gli allenatori del nostro campionato vorrebbero trovare sotto il proprio albero, analizzando sia ipotesi concrete sia fantasie e sogni.

Quest’oggi parleremo della Sampdoria, squadra di qualità che ogni anno riesce a disputare un campionato ordinato e di buon livello, arrivando al termine delle 38 giornate con un netto distacco dalla zona retrocessione e, spesso e volentieri, a ridosso della zona Europa League.

I blucerchiati hanno iniziato questo campionato con tanta grinta e tanta voglia di fare, cosa che ha dato ai calciatori una marcia in più ed ha permesso di sostenere delle ottime prestazioni che li hanno portati a conquistare 27 punti ed a raggiungere il sesto posto, posizionandosi al di sopra di squadre come Milan, Atalanta, Torino e Fiorentina oltre che ai cugini del Genoa.

I liguri, dunque, possono sicuramente ambire ad un posto in Europa League, ma per farlo dovranno mantenere la costanza e continuare a giocare come hanno fatto finora. I calciatori attualmente presenti in rosa, però, non potrebbero bastare, motivo per il quale la dirigenza potrebbe andare ad operare sul mercato tenendo d’occhio alcuni bisogni.

Cosa vorrebbero trovare i tifosi della Sampdoria sotto l’albero? Quali regali dal mercato di gennaio

– La prima zona del campo in cui operare è sicuramente quella delle fasce, visto che il rendimento dei terzini della squadra è stato sì sufficiente ma non al livello degli altri calciatori. Le poche alternative sull’out di destra potrebbero spingere la società a cercare, per l’appunto, un terzino destro e tutte queste necessità ricondurrebbero ad un nome già noto, ovvero quello di Francesco Zampano.

Il 24enne è nato e cresciuto calcisticamente tra le fila della Samp e, dopo l’esperienza con la maglia del Pescara, potrebbe ritornare nella capitale ligure durante il mercato invernale. Il calciatore, dopo un primo periodo difficile, ha iniziato ad accumulare minuti con i Delfini, ma l’interesse della società genovese potrebbe portarlo ad avere dei ripensamenti sul proprio futuro e magari ad accettare eventuali proposte.

Il suo cartellino si aggira intorno ad un prezzo di circa 3 milioni di euro, cifra assolutamente accessibile che, se spesa, regalerebbe una scelta più ampia al tecnico Marco Giampaolo per quanto riguarda, appunto, i terzini.

– Un altro settore in cui c’è bisogno di miglioramenti dal mercato di gennaio, o semplicemente di più calciatori sui quali poter contare, è sicuramente l’attacco, visti i soli 4 attaccanti che si possono contare attualmente in rosa (Caprari, Zapata, Quagliarella e Kownacki) e che stanno già iniziando a patire la fatica. Nello specifico, Giampaolo avrebbe bisogno di una seconda punta che possa prendere il posto di uno dei due centrali d’attacco durante la partita e giocare un po più arretrato.

Un nome molto interessante e che farebbe al caso dei blucerchiati sarebbe quello di Manuel Pucciarelli, attaccante 26enne con una certa esperienza in Serie A e dotato di qualità che farebbero comodo al team ligure. Il suo futuro è però legato indissolubilmente al Chievo almeno fino alla fine della stagione 2018-19, al termine della quale i clivensi decideranno se riscattare o meno il suo cartellino dall’Empoli.
Vista la situazione, quindi, gli obiettivi potrebbero cambiare e si potrebbe virare su qualcuno come Diego Farias, seconda punta brasiliana del Cagliari, se si vuole rimanere in Italia. In alternativa, la dirigenza potrebbe pensare anche al mercato estero e puntare calciatori stranieri come Admir Mehmedi o Michael Gregoritsch, entrambi militanti in Bundesliga e di proprietà, rispettivamente, di Bayer Leverkusen e Augusta.
Tutti questi calciatori, però, sono spesso impiegati dagli allenatori delle proprie squadre e, per questo motivo, delle eventuali trattative potrebbero risultare più difficili e dispendiose del previsto.

Un maggior utilizzo di Dawid Kownacki, 20enne polacco arrivato quest’estate dal Lech Poznan e dotato di qualità indiscutibile ma da far maturare. L’attaccante ha fatto molto bene finora quando è stato impiegato tra Coppa Italia e campionato e l’implemento del suo impiego potrebbe far sbocciare definitivamente il suo talento.

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008