#NapoliPsg, Ancelotti carica l’ambiente: “Cercherò di portare un po’ d’esperienza”

In vista del delicato impegno di Champions League del prossimo mercoledì col PSG, il tecnico azzurro Carlo Ancelotti si è concesso ai microfoni dei colleghi di France Football dove ha parlato del suo Napoli, del PSG e di CR7. Di seguito le parole dell’allenatore più vincente di sempre: 

Oggi è un Napoli diverso. Non abbiamo Maradona, ma costruiamo un vero team di alto livello, in particolare con i giovani. Sono diversi anni che il Napoli gioca molto bene, quindi la qualità è lì. Cercherò di portare un po’ d’esperienza, aiutare la squadra ad avere un po’ più di personalità, coraggio in alcuni momenti in cui giochiamo un po’ meno bene”.

Lo stile Ancelotti
“Non c’è un chiaro stile Ancelotti, perché costruisco il mio gioco secondo le caratteristiche dei miei giocatori. Alcuni allenatori iniziano con un’idea di gioco e cercano di far entrare i giocatori in quello stile. Guardo i giocatori che ho e adatto il mio stile a loro “.

Sul PSG?
“Ai miei tempi non penso ci fosse la volontà di mettere assolutamente una cultura italiana. Soprattutto, c’era il desiderio di portare una cultura di alto livello, professionalità e qualità. È bello vedere come cresce il club. È uno dei migliori in Europa. Può vincere la Champions League, questo è sicuro”.

Cristiano Ronaldo
“L’arrivo di Cristiano è un grande segnale per l’immagine della Serie A. Per molto tempo è stato la casa di tutte le stelle, Maradona, Platini, Zico, Zidane, Ronaldo, Shevchenko, Kakà, Ibra … L’arrivo di Cristiano ripristinerà il suo blasone. Lui è un grande professionista. La sua unica colpa è essere andato alla Juve!”.

CONDIVIDI
Vincenzo, classe 1998, amante del bel calcio e della Juve. Il mio preferito: Roberto Baggio, IL GIOCATORE.