Domenica 18 alle ore 20:45 tutti i riflettori saranno puntati sullo stadio Diego Armando Maradona di Napoli. A chiudere, infatti, il programma della trentunesima giornata di serie A, sarà Napoli – Inter. Sicuramente interessante è il confronto tra Gattuso e Conte, confronto che si va ad inserire all’interno di una partita che rappresenta un crocevia importante per la Serie A 2020/21. Proviamo insieme a capire perché.

L’Inter è vicina allo scudetto

Se per lo scudetto nerazzurro manca solo la matematica, (13 i punti mancanti ai ragazzi di Conte), vincere a Napoli vorrebbe dire essenzialmente due cose. La prima, banale, ridurre da 13 a 10 i punti mancanti: 10 punti da ottenere nelle 7 giornate che mancherebbero dopo la sfida con i partenopei. La seconda, ben più di concetto, è da ricondurre all’ulteriore prova di forza che gli uomini di Conte metterebbero in mostra nell’ennesimo big match di stagione: situazioni che, nel girone di ritorno, li ha sempre visti vittoriosi. I nerazzurri si presentano dunque, sotto il Vesuvio con la tranquillità di chi può gestire la situazione, ma al tempo stesso la voglia di chi vuole, al più presto, portare la nave in porto, per dirla come Antonio Conte.

Il Napoli torna in corsa per la qualificazione in Champions?

La domenica del Napoli “inizierà” qualche ora prima dello scontro del Maradona. Alle 15, infatti, lo scontro di Bergamo tra l’Atalanta e la Juventus attirerà l’attenzione degli uomini di Gattuso che, a rigor di logica, dovrebbero tifare per un pari nella sfida del Gewiss Stadium. Nei prossimi due turni il Napoli si gioca tanto. Inter domenica e Lazio, sempre in casa, giovedì diranno molto dei sogni europei della squadra di De Laurentiis che dopo l’incontro con Immobile e compagni avrebbe un calendario relativamente in discesa, mentre le altre squadre impegnate nella corsa Champions avrebbero ancora, da disputare, qualche scontro diretto. Vincere la gara di domenica per gli uomini di Gattuso significherebbe rilanciarsi in classifica, ma soprattutto gli permetterebbe d’acquisire autostima in vista del finale di stagione che si preannuncia combattuto e sarà, sicuramente, ricco di colpi di scena. Superati gli scogli di Inter e Lazio, le restanti parti con Torino, Cagliari, Spezia, Udinese, Fiorentina e Verona sarebbero sicuramente meno complicate da affrontare.

Gli occhi, domenica sera, saranno dunque puntati sullo stadio Diego Armando Maradona di Napoli. Due squadre che vogliono disegnarsi il loro destino, due squadre in cerca di punti per raggiungere l’obiettivo: #NapoliInter rappresenta il primo incrocio “pericoloso” di questo finale di stagione con un occhio a Bergamo.

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008