Davide Ballardini, tecnico del Genoa, si è presentato poco fa in sala stampa per commentare con i cronisti presenti l’esito di Napoli-Genoa, match perso dal Grifone per 1-0 in virtù della rete di Raul Albiol:

La quota salvezza?: “Non saprei, intorno ai 40 punti. Penso solo che bisognerà fare altre partite come questa”.

Lei si giocò qui il playoff con la Sambenedettese, è più sorpreso del Napoli a questi livelli o di essere diventato un ottimo tecnico?: “Sono sorpreso di essere in serie A, venivo dalle giovanili. Il Napoli non salì quell’anno, la proprietà è la stessa ed ha una direzione chiara, dal mercato alla scelta tecnica, negli anni è sempre cresciuta alzando la qualità ed il livello”.

Più tiri nell’area di rigore da parte del Genoa rispetto al Napoli: “Complimenti al Genoa, affrontava la squadra che gioca meglio, non ha le Coppe. Scudetto? L’abitudine, la forza, l’ambiente, è a favore della Juventus, ma credo che tornerà a fare il suo calcio e prenderà sempre più consapevolezza. Il fatto di essersi avvicinato darà più forza. Lo spero perché il Napoli è la squadra che gioca meglio”.

Sul ritorno di Rossi: “Deve allenarsi sempre più con i compagni e con più allenamenti potrà dimostrare ciò che gli riconosciamo tutti. Siamo focalizzati sugli allenamenti, poi per il resto lui è una cosa col pallone”.

Sulle prossime gare: “I giocatori sanno bene cosa serve da qui alla fine, questa prova conferma che ogni giocatore è dentro a quello che si deve fare. Ci sono squadre che hanno perso 5-6 partite, non è quello, sarebbe preoccupante vedere certe prestazioni, ma noi abbiamo compattezza, serietà ed anche qualità”.

Sugli attaccanti: “Non è il numero degli attaccanti che fa la differenza. Contro questo Napoli, con qualità straordinarie, il Genoa ha tenuto testa senza limitarsi solo a difendersi ed ho fatto i complimenti ai ragazzi per la prestazione”.

Sulla prestazione della squadra contro un avversario forte: “Non è da tutti venire qui, contro questo Napoli, e creare le stesse occasioni loro. Possiamo essere soddisfatti di quanto fatto”. A riportare l’integrale conferenza di Ballardini è Tuttomercatoweb

CONDIVIDI
Classe 1998, studio Lettere Moderne. Da sempre dipendente dal calcio e dall'Inter.