Il tecnico del Napoli, Maurizio Sarri, ha parlato così a Rai Sport dopo la vittoria sulla Fiorentina.

“Quando la squadra fa il record di punti mi sembra una bestemmia parlare di ciò che è andato storto. Stasera era giusto andare a salutare un pubblico stupendo che aveva risposto riempendo il San Paolo. Era l’ultima partita in casa e per questo era giusto salutare i tifosi. Abbiamo ancora una speranza di secondo posto e dobbiamo giocarcela fino all’ultimo minuto della prossima gara. Oggi eravamo in una condizione mentale difficile, con la Roma che aveva vinto, e la squadra ha risposto benissimo”.

Mertens ancora al centro dell’attacco? “Difficile dirlo adesso, nessuno avrebbe potuto dire quest’anno che lui sarebbe stato il nostro centravanti. Mertens ha fatto un capolavoro e Milik aveva fatto benissimo nella fase iniziale, l’anno prossimo tornerà al 100%. L’anno prossimo avremo un bel parco attaccanti, magari potranno giocare insieme”.

Il Napoli ha iniziato a giocare a campionato perso. “Abbiamo avuto un brutto periodo a ottobre, poi eravamo già in risalita. Non so quanto siano effettivi i punti ripresi alla Juventus che avrà perso energie per la Champions, ma 45 punti in un girone sono comunque tanta roba. Negli ultimi anni la Serie A ci ha messo davanti a dei punti incredibili. Essere terzi con 2.24 di media punti è incredibile”.

Che ruoli sono da rinforzare? “Al presidente ho fatto una richiesta forte di cambiare la persona che va ai sorteggi (ride, ndr) visto che tra Coppa Italia e Champions siamo riusciti a prendere le due finaliste di Champions. Il primo passo da fare è questo, il resto si vedrà. C’è grossa sintonia tra il pubblico e questa squadra per 2-3 motivi. La squadra gioca e diverte e il pubblico apprezza a prescindere dai risultati. La squadra dà la sensazione di dare tutto per la maglia, per questo si è creata questa sintonia”.

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008