Maurizio Sarri è intervenuto ai microfoni di Sky al termine del match contro il Benevento.

Ecco le dichiarazioni del tecnico del Napoli:

“Venivamo da nove successi di fila in campionato e in Champions avevamo vinto due volte nel preliminare. In Ucraina siamo mancati nella riconquista immediata nelle palle perse e loro ci hanno messo un po’ in difficoltà, anche se probabilmente avremmo meritato il pari. Oggi la squadra ha ritrovato in pieno certe caratteristiche e ha fatto un grande primo tempo, gestendo poi nella ripresa”.

Come spiega il turnover in Champions e non oggi e non in Champions?
“Ma no… Diawara lo scorso anno ha giocato più di Jorginho, una rotazione normale. Lo stesso vale per Zielinski ed Allan. Su Mertens: ha bisogno di tirare il fiato ogni tanto, ma la nostra speranza era fare un match tipo Lisbona, con Mertens che poteva darci qualcosa nel finale di partita”.

Sul rigore aveva chiesto di farlo calciare Hamsik?
“Sì, ma sbagliavo io. Ricordavo male sul record di gol di Maradona. E’ stato invece giusto ‘sfamare l’animale’ che è Mertens”.

Da parte sua c’è tanto rispetto di Hamsik, tutelato anche nelle difficoltà.
“Certo, perché penso che così poi si possa ritrovare subito il fuoriclasse che è. Tutti i giocatori hanno un leggero calo. Lui magari vale 9 con il calo, mentre uno normale vale 6”.

C’è difficoltà nella rotazione in attacco rispetto ad altri reparti, soprattutto tra Milik e Mertens?
“Magari può capitare di spostare Mertens a destra dove si trova meglio rispetto a sinistra. Succederà sicuramente prima o poi facendo giocare Dries con Milik. Specie quando avranno bisogno di riposare Callejon o Insigne”.

Si può studiare qualche nuovo accorgimento tattico nei momenti di difficoltà?
“Se siamo veloci di idee e precisi nelle uscite, poi troviamo autostrade. La storia delle squadre che si conoscono è uno dei tanti luoghi comuni. Il Barcellona ha giocato allo stesso modo per 9 anni e ha dominato comunque. A noi è mancata la velocità di idee e basse percentuali di passaggi precisi”.

CONDIVIDI
Ho 22 anni e nella vita studio, per l'esattezza frequento la facoltà di Culture digitali e della Comunicazione alla Federico II di Napoli. Sogno di vivere un giorno grazie al giornalismo sportivo. Amo la musica e suono la chitarra da circa dieci anni. Redattore anche di IamNaples.it

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008