Maurizio Sarri, allenatore del Napoli, ha parlato ai microfoni del Guerin Sportivo.

Ecco, qui di seguito, le sue parole.

“Ho scelto come unico mestiere quello che avrei fatto gratis. Ho giocato, alleno da una vita. Non sono qui per caso. Però c’è chi mi chiama ancora ‘l ex impiegato’ come fosse una colpa aver fatto altro. Farei fatica a vivere nel caos delle grandi città. Ma adoro napoli e la sua umanità adoro lo spirito sociale che c’è. Napoli ti dà un amore unico che ogni allenatore dovrebbe provare. Scudetto? Ho sempre detto in questi mesi che lo scudetto è una bestemmia ma io sono toscano e in toscana si bestemmia abbastanza. Una bestemmia quindi ogni tanto ci può stare anche perché nella vita può capitare di tutto. Prima ero più rigido ero portato a pensare che la tattica fosse un valore assoluto. Ora so che il bambino che c’è in ogni giocatore non va mai spento. Quando un giocatore si diverte rende il doppio ed è uno spettacolo meraviglioso”.

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008