Dries Mertens, attaccante del Napoli, ha rilasciato un lunga intervista a Bleacher Report, a partire dall’appellativo a lui assegnato di falso nueve:

“Credo che, con i gol che ho segnato, si possa finalmente abbandonare l’espressione “falso” e dire che sono semplicemente un numero nove”. E sul paragone con Maradona: “Odio quando qualcuno lo fa. Lui era veramente qualcosa di speciale, io per ora ho fatto solo qualcosa di buono…”. Poi un aneddoto sul legame tra Napoli e il calcio: “Qui sono tutti pazzi: la gente mangia, dorme, vive per il calcio. Nel palazzo in cui vivo c’è un’anziana signora, credo abbia 85-90 anni. Questa mattina sono uscito e lei mi ha detto “mi è piaciuto tantissimo come hai giocato, mi è piaciuta l’esultanza”. Ho pensato, cavolo, anche lei guarda le partite… È tutto davvero così pazzo”. Infine su l’ex compagno di squadra Higuain: “Siamo amici e mi manda spesso messaggi per congratularsi quando faccio bene. Lui si sveglia al mattino e ciò che vede è la porta. Io, invece, prima mi accontentavo di un assist, ma ora vedo che, da attaccante, far gol è importante e se non lo fai la gente dice che hai giocato di mer…. Quando segni, pur se hai giocato di m…, sei bravo. Perciò, d’ora in avanti, io faccio gol”.

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008