Tornato in campo con una certa regolarità (conta già 6 presenze, lo scorso anno a fine campionato ne aveva 11), Christian Maggio, terzino destro del Napoli, è intervenuto ai microfoni di Radio Kiss Kiss per parlare della qualificazione della Nazionale al Mondiale, dell’infortunio di Faouzi Ghoulam, suo compagno di reparto e dell’obiettivo scudetto in casa Napoli.

Queste le parole del terzino destro ex Sampdoria:

Sullo scudetto: “Ci proviamo tutti ed ormai è inutile nasconderlo. Lotteremo fino alla fine”. 

Sul pareggio col Chievo: “Non si può sempre andare a 100 all’ora. E’ stata una partita strana sotto alcuni punti di vista, magari eravamo stanchi scarichi dopo la gara di Champions League contro il City, ma siamo consapevoli della nostra forza e vogliamo continuare a far bene”.

Sul cammino in Champions: “Siamo indietro ma dobbiamo cercare di vincere queste due partite che restano per sperare nella qualificazione, non sarà facile perché dipenderà anche dalle altre squadre, ma noi dobbiamo comunque dare il massimo”.

Insigne in panchina con la Svezia: “Lorenzo in questo momento è in una condizione incredibile, è ovvio che si pensi che debba essere titolare contro la Svezia, ma bisogna rispettare le scelte di Ventura. Non voglio pensare a un’Italia senza Mondiale”.

Sulle condizioni di Ghoulam:“Ieri ho parlato con lui, l’ho sentito tranquillo e sereno. Secondo me non ha ancora realizzato il tipo di infortunio e in quel periodo serviranno i compagni e gli amici. Ci sono passato anche io, Ghoulam ha la mentalità e la forza giusta per tornare più forte di prima. Io mi infortunai proprio al primo anno di Napoli. So cosa significa una lesione al ginocchio, devo dire che è dura. Infortuni del genere ti possono buttare giù soprattutto nei primi mesi, ma Faouzi è forte, ha grande carattere e tornerà più forte di prima. Noi gli siamo vicini, gli facciamo un grande in bocca al lupo e lo aspettiamo perché per noi è un calciatore importantissimo”.

CONDIVIDI
Guardo e studio il calcio da 20 anni con gli occhi di un bambino che vede Ronaldinho in azione per la prima volta.