Elseid Hysaj, esterno difensivo del Napoli, ha rilasciato un’intervista a Radio Kiss Kiss Napoli esprimendo la gioia per l’ultima vittoria contro la Lazio e fissando il raggiungimento del secondo posto come obiettivo stagionale:

E’ stata una bella vittoria in vista della corsa Champions League, abbiamo dimostrato di essere uniti. Stiamo proseguendo sulla strada giusta, speriamo di continuare a farlo in queste sette partite. Anche l’anno prossimo vogliamo migliorare. Non subire gol per noi difensori è bello. Abbiamo giocatori importanti davanti che possono segnare da un momento all’altro, è fondamentale dunque non prendere gol e a Roma ci siamo riusciti. Secondo posto? Sarà quello il nostro pensiero fisso. E’ meglio per noi, sarebbe bello perché in pochi ci credono. Io penso che ci arriveremo pian piano. Udinese? Ha dato fastidio a tante squadre, è messa bene in campo, noi dovremo avere l’atteggiamento giusto. Tutti hanno voglia di Champions League, noi siamo i primi e vogliamo conquistarla. Real Madrid? Cristiano Ronaldo è tanta roba. Io ho cercato di fermarlo, sono contento che non abbia segnato. E’ un giocatore perfetto in tutto. Contro di loro noi abbiamo giocato a calcio per 50 minuti, bisogna migliorare delle piccole cose che possono cambiare la stagione e la vita. Scudetto? Mi piacerebbe tanto quanto piacerebbe ai tifosi. Qui sento tutto l’affetto, sarebbe bello vincere lo scudetto in futuro perché Napoli regala grandi sensazioni. Gruppo? Stiamo crescendo, io in primis. Con l’aiuto dello staff e del mister possiamo arrivare in alto. Stiamo tutti bene, sempre a ridere e scherzare. Questa è la cosa più importante. Alla fine questa è una famiglia, i miei compagni sono come fratelli. Alla fine siamo più qui che a casa. Il gioco? Il calcio non è un lavoro, è una passione e un gioco. Si comincia da piccoli e arrivare a questi livelli è un sogno, non si fa assolutamente per i soldi. Noi siamo felici quando giochiamo. Il tridente azzurro? Ci pensano sempre loro là davanti, per questo dico che noi dobbiamo pensare solo a non subirne. Insigne? Ogni tanto gli do qualche pedata perché fa sempre qualcosa anche in allenamento. Noi difensori impariamo da loro attaccanti e viceversa“.

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008