Qualche sprazzo del suo talento è già venuto fuori, ma Fabian Ruiz è pronto a mostrare tutte le proprie potenzialità. Il centrocampista del Napoli ha parlato di questa sua prima parte dell’esperienza in azzurro ai microfoni di Radio Marca Sevilla: Adesso – riporta Tuttomercatoweb.com va tutto bene. Napoli è una città particolare, si vive il calcio con grande passione. Inizialmente non è semplice ambientarsi in un paese nuovo, in un altro campionato con un’altra lingua, ma l’affetto della gente fa davvero piacere. Mi piace percepirlo per strada”.

Su mister Ancelotti: “E’ merito suo se sono qua, mi ha trasmesso fiducia e fatto capire di volermi a tutti i costi. Inoltre mi sono piaciuti il progetto e l’ambizione del club. Sono felice della scelta fatta.Obiettivi? In Italia ci sono tante grandi squadre. La Juve è favorita, ma noi abbiamo una buona squadra per lottare per lo Scudetto. Ora andiamo avanti gara dopo gara, a fine stagione vedremo”.

Sulla propria condizione:All’inizio ho riportato una lesione che mi ha fermato 3 settimane. Ora il mister mi sta concedendo più minuti e sentire l’inno della Champions è speciale. Ogni gara che gioco mi sento meglio, in Italia l’aspetto fisico è molto importante”.

Sui compagni Albiol e Callejon: “Il primo mese sono stati importanti, soprattutto per farmi capire e farmi intendere. Ma anche lo stesso Ancelotti che parla spagnolo”.

Sul Betis, sua ex squadra, e la prossima sfida col Milan: “Entrambe le squadre vorranno avere il possesso del pallone. Credo che il Betis abbia comunque la qualità giusta per vincere a San Siro. Ora faticano a segnare, ma hanno gol nelle gambe e i tifosi non devono preoccuparsi. Io nella pubblicità della campagna abbonamenti del Betis? Quando feci quello spot non sapevo ancora niente del mio futuro. Sono betico, un giorno ovviamente mi piacerebbe tornare a casa. Ma ora penso solo al presente”.