Quella che si è conclusa da poco più di una settimana per il Napoli può essere considerata una stagione tutto sommato positiva. In casa partenopea è tornato a parlare il patron, Aurelio De Laurentiis, presente all’evento Football Leader 2017. Queste le sue parole, riportate da Tuttomercatoweb.com:

“Speriamo che dopo lo Scudetto del Fair Play e quello del bel gioco arrivi quello vero. Chiavelli l’ho assunto poco prima di un trasferimento a Los Angeles, bloccai tutto per amore del Napoli e del calcio, la mia famiglia era disperata! Andrea (Chiavelli,ndr) mi vide infervorato e felice, anche se di calcio non ne capivo nulla. Venivo dal cinema che reputavo il mondo più difficile. Chiavelli mi disse: “Lei é proprio convinto?”. Gli dissi di sì e lui si mise all’opera. Dissi che i conti dovevano essere in regola ma partivamo da un meno 100 milioni. Riuscimmo però a metterci in regola e fu un ‘ esperienza straordinaria.

Noi non abbiamo ereditato il Napoli, abbiamo ereditato il nulla. L’unica cosa che ci restava era la nostra grande tifoseria. Reina? I media ogni giorno inventano a dismisura. Ha un contratto in essere, però è anche giusto che il Napoli guardi al futuro. Quando uno si avvia a una certa età, seppur integro e capace, bisogna mettergli a fianco qualcun’altro di altrettanto straordinario in modo da avere la porta a posto per i prossimi 10 anni. Non vogliamo cambiare ogni 3… Noi non lavoriamo per vendere. La festa per il trentennale del tricolore? Dobbiamo stare attenti, volevamo fare questa partita celebrativa il 4 luglio, ma poiché il 5 siamo in partenza per Dimaro e abbiamo ai primi di agosto l’Audi Cup, con Liverpool, Bayern e Atletico, dobbiamo pensarci”.


Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008