Napoli, De Laurentiis: “Con il fatturato della Juve avrei vinto 10 Scudetti. Nuovo stadio? No”

Aurelio De Laurentiis

Torna a parlare Aurelio De Laurentiis, e quando lo fa non dice mai banalità. Il Patron del Napoli è intervenuto a margine dell’evento Andro Day percorso di salute al maschile.

Ecco le parole del Presidente azzurro, riportate da La Gazzetta dello Sport:

Sul mercato: “Napoli pronto a intervenire sul mercato a gennaio, ma non dico dove”.

Differenze con la Juve: “Napoli è un grande attrattore, ovunque vado non fanno che parlarmene, soprattutto all’estero. Siamo la diciannovesima squadra al mondo, non abbiamo debiti con le banche, siamo un modello virtuoso. Forse non riusciremo a battere la Juventus, chi lo sa, ma con quel fatturato, dieci scudetti li avrei vinti anch’io. Noi spesso ci siamo andati molto vicini”.

Investimenti: “Comprerò una squadra, il progetto è in progress”.

San Paolo e nuovo stadio: “E’ un grosso problema, il Comune non è mai andato oltre il galleggiamento. La Regione, adesso, è molto attiva, volevano buttare 5 milioni solo per la pista d’atletica ma era una cavolata. E io ho pregato il Governatore di spendere 15 milioni per cambiare i seggiolini. Ma non vorrei che mi facessero il brutto scherzo di cambiarli mentre stiamo giocando. Speriamo di andare molto avanti in Europa, non dobbiamo avere ostacoli. Quando vado al Parco dei Principi scopro che il PSG paga 1 milione all’anno per il fitto dello stadio e loro con 47 mila posti riescono a fatturare 100 milioni all’anno, noi non adiamo oltre i 17-18 milioni perché dentro il San Paolo non possiamo fare niente, non si possono fare attività. Ho pensato di realizzare 30 salottini a bordo campo. Non vado allo stadio perché dall settore che occupo non si vede niente. Il Comune non ha mai fatto nulla per il San Paolo dal 1990, quando sono stati fatto i lavori sono stati rubati diversi miliardi di lire e nessuno mai è andato in prigione. Mi chiedono: vai altrove? Ci metto 2 secondi a comprare il terreno e 18 mesi per costruire il nuovo stadio, ma questo è il teatro di Maradona. L’unica parte importante della storia del Napoli, di un passato che non voglio dimenticare”.

CONDIVIDI
Classe 1997, studente di Culture Digitali e della Comunicazione presso l'Università Federico II di Napoli. Da sempre appassionato di calcio, con il sogno di diventare giornalista. Web content e Social Media Manager per il Napoli Calcio a 5.