Napoli, Ancelotti: “Contavo di avere 7 punti ad oggi. Vittoria contro la Fiorentina aiuterebbe nostra autostima”

Il Napoli per il riscatto dal brutto k.o. di Genova contro la Sampdoria. La Fiorentina, invece, è di tutt’altro umore visti i due successi su due in questo avvio di campionato. Questa è la situazione delle due squadre in vista dell’anticipo del San Paolo di domani alle 18.00.

Sulla partita, ma non solo, è intervenuto il tecnico azzurro Carlo Ancelotti. Di seguito le sue dichiarazioni: “Abbiamo sei punti, contavo di averne sette dopo le prime tre giornate: il calendario è duro e continuerà ad essere complicato” ha osservato Carlo Ancelotti, nella conferenza stampa alla vigilia di Napoli-Fiorentina. E allora, col solito sorriso, anche dopo la sconfitta di Genova e la sosta, l’allenatore ha trasmesso calma: “Siamo di buon umore, ci dispiace solo per Chiriches che si è infortunato gravemente. Dobbiamo aumentare attenzione ai dettagli, perché siamo tra le squadre che hanno subito meno tiri in porta, ma abbiamo preso sei gol. Ci sono errori che ci costano più di quanto dovrebbero, per questo dico che la squadra difensivamente si è comportata a dovere nelle tre uscite”.

Parentesi su Milik, sempre titolare fino ad ora: “Sia lui che Mertens partono alla pari dopo questa sosta, sono entrambi un po’ stanchi. L’allenamento di oggi sarà decisivo e ogni ragionamento che faccio è solo in ottica della Fiorentina. La squadra di Pioli è brava e pericolosa, far bene contro di loro aiuterebbe la nostra autostima” ha spiegato Ancelotti.

Un altro aspetto, meno positivo, è che il Napoli è sempre andato in svantaggio: “Mentalmente dobbiamo essere più solidi, ma sono difficoltà naturali in un percorso di crescita. Troveremo la nostra stabilità”. Il progresso, dal punto di vista tattico, consiste in un’evoluzione ben precisa: “Le mie idee non sono in contrasto con quelle di Sarri, la squadra non deve dimenticare quanto fatto con lui. Il mio obiettivo è di sviluppare un gioco più verticale. Ancelottismo? No, il mio calcio ha una filosofia meno identificabile. I neologismi si addicono a chi ha sempre avuto una filosofia precisa, che ha un’unica identità, come Sarri e Guardiola”.

Le forti critiche per i cambi contro la Samp non piegano Ancelotti: “Quando si perde, le critiche sono all’ordine del giorno. Io manterrò la mia idea, voglio valorizzare la rosa e la rotazione sarà naturale. Dopo la sfida con la Fiorentina valuterò i giocatori migliori per la Stella Rossa e così via”. Dopo aver dribblato seccamente la domanda sullo scudetto (“Non è il momento di pensarci, dobbiamo vincere partite e migliorare ancora”), Ancelotti ha concluso con un’osservazione sullo stato del calcio italiano: “Ci sono problemi più seri della fascia di Astori, che deve essere ricordato e onorato. In Nazionale al momento non ci sono valori individuali di livello, serve tempo e pazienza. Il lavoro di Mancini non è facile, ci sono giovani che non hanno alcun tipo di esperienza internazionale”.

CONDIVIDI
Ho 22 anni e nella vita studio, per l'esattezza frequento la facoltà di Culture digitali e della Comunicazione alla Federico II di Napoli. Sogno di vivere un giorno grazie al giornalismo sportivo. Amo la musica e suono la chitarra da circa dieci anni. Redattore anche di IamNaples.it