Il match di sabato tra SPAL Napoli non è ancora finito, viste le polemiche che si sono seguite nei giorni successivi.

Maurizio Sarri aveva criticato il terreno di gioco del Mazza di Ferrara, definendolo “Indegno” per la categoria.

Di tutta risposta l’agronomo ufficiale della Lega Giovanni Castelli, intervistato da Radio CRC, ha parlato della situazione. Queste le sue parole: “Ho visto lo stadio Mazza ad inizio agosto prima del debutto in Tim Cup perché ne era stato completamente rifatto il manto erboso tra luglio e agosto. In estate l’ho visto da vicino, poi solo attraverso le immagini televisive per cui non posso addentrarmi in valutazioni che arrivano sino a quelle fatte da Sarri che, invece, era presente. Posso annunciare però che giovedì verificherò lo stato generale del terreno di gioco. L’allenatore del Napoli colpisce nel segno quando dice che i professionisti hanno il diritto di avere le gomme della macchina a posto: lo strumento di lavoro dei calciatori è il terreno di gioco e dobbiamo imparare ad elevare il livello dei campi di gioco che non è scarso, ma neppure il massimo. Giovedì sarò al Mazza: la Spal non ha chiesto un sopralluogo, ma laddove c’è qualche evidenza, devo vederci chiaro il più repentinamente possibile”.

 

CONDIVIDI