Intervistato dalla Gazzetta dello Sport, l’allenatore del Milan Vincenzo Montella ha parlato di diversi argomenti tra cui, inevitabilmente, il mercato rossonero.

“Principalmente ora ci concentriamo sul centravanti, poi magari su una punta esterna e mezzala ma non abbiamo più la fretta di prima. Il centroavanti ideale deve combinare senso del gol, gol sporchi e saper giocare per la squadra. Il mercato è stato concordato con la società e abbiamo deciso di puntare sia su giovani di talento che giocatori di esperienza. E’ presto per dire se abbiamo colmato il gap con Roma e Napoli, non dobbiamo nasconderci ma alimentare e mantenere l’entusiasmo”

FUTURO ROSSONERO In mente non ho mai avuto nulla di diverso che non fosse il Milan anche perché la società mi ha sempre trasmesso una stima sincera e netta. Il club sta facendo qualcosa di straordinario, può far scalpore il numero di giocatori acquistati e le cifre spese ma mi piacerebbe che il Milan, come ha detto Fassone, possa raggiungere la top 5 dei club mondiali nel 2022 e sarebbe molto bello se fossi io ad accompagnare il Milan in questo traguardo. Sarebbe il massimo perché vorrebbe significare una grande crescita professionale”

BONUCCICon il club c’è grande condivisione su tutti i giocatori ma Bonucci ero convinto fosse irraggiungibile. Mandavo a Mirabelli almeno dieci messaggi al giorno con solamente tre parole: ‘Buongiorno (o buonasera) direttore, Bonucci’. Con il direttore abbiamo un rapporto schietto e continuo, Bonucci è un professionista altamente competitivo e sarà un esempio per i giovani. Non so le Juve con la sua cessione si sia indebolita ma certamente noi ci siamo rinforzati. La difesa a 3 mi intriga e mi piace come idea ma devo dire che con questi giocatori possiamo usare davvero tanti sistemi”

RINNOVO DONNARUMMA Su questa vicenda io non c’entro nulla ma è stato Mirabelli a toccare le corde giuste. Ho parlato con la famiglia di Gigio solo perché erano loro che sentivano l’esigenza di parlare con me. Donnarumma è fantastico perché è capace di unire tutte le fasce d’età. Quando ha rinnovato mia nipote Martina di 7 anni si è messa a piangere e sono sicuro che sia successo anche ad una nonna di 70 anni. E’ entrato nel cuore di tutti, milanisti e non , e sono certo chi tifosi continueranno ad amarlo. Con Raiola non ho problemi e lui non credo ne abbia con me”

CONDIVIDI
15/10/99 Redattore di Novantesimo

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008