#MilanTorino, Mazzari: “Champions? Non ci poniamo limiti. Stasera bella prestazione”

mazzarri

L’allenatore del Torino, Walter Mazzarri,  ha risposto a varie domande sul pareggio contro il Milan a Sky Sport: “Sto bene? Se avessi vinto sarei stato meglio (ride, ndr). Fino a venti minuti dalla fine meritavamo di vincere. Nel finale, dopo aver speso tanto, ci siamo abbassati e abbiamo rischiato di perdere. Nel primo tempo siamo stati strepitosi, è mancato solo il gol”.

Il Torino è una squadra da trasferta, perché questa differenza rispetto alle gare in casa? “A volte capita, sono coincidenze facilmente spiegabili. Forse si sente un po’ la pressione in casa, si vuole spaccare il mondo. Col Parma, ad esempio, abbiamo gestito male la partita. Per il resto abbiamo giocato buone gare come contro la Fiorentina. Dobbiamo migliorare qualcosa nell’ultimo passaggio”.

Nel secondo tempo avete subito qualche contropiede di troppo… “Nel secondo tempo siamo stati poco efficaci negli ultimi trenta metri ma abbiamo ugualmente schiacciato il Milan. Fino al sessantesimo abbiamo comandato il gioco, poi dopo qualche contropiede subito ci siamo spaventati. Ci prendiamo il punto e una bella prestazione”.

Non era facile col centrocampo muscolare del Milan… “Siamo stati bravi su Kessié e Bakayoko con Rincon e Baselli. Ma abbiamo retto anche in difesa e sugli esterni. Ansaldi poteva fare qualche giocata di qualità in più, forse è dal suo lato che potevamo fare di più”.

Non avete mai dato il sinistro a Suso… “Sono stato due giorni a spiegare ai miei ragazzi come fare per marcarlo. Djidji è stato bravo su di lui”.

Cosa manca al Torino per la Champions? “Non ci poniamo limiti. Quando facciamo le cose per bene io sono orgoglioso dei miei ragazzi. Non dico altro. In più ci manca anche qualche punto…”.

Sabato c’è la Juve e molti tiferanno per voi… “Ma degli altri non ce ne importa, vogliamo dare una soddisfazione ai nostri tifosi. Loro sembrano invincibili, vediamo che succede”.

Sull’espulsione? “Orsato è un bravo arbitro, ma in quella circostanza non ero d’accordo e sono uscito dall’area tecnica”.

CONDIVIDI