#MilanOlympiakos – Gattuso: “Siamo stati penalizzati, ma è giusto andare a casa anche se brucia tanto”

Amaro in bocca per il Milan al termine dell’ultima giornata di Europa League: in seguito alla sconfitta per 3-1 con l’Olympiakos i rossoneri sono stati eliminati dalla competizione.

Gennaro Gattuso, tecnico milanista, ha analizzato le cause dell’elimiazione e l’andamento della gara in conferenza stampa:

Sull’eliminazione:

“C’è stata qualcosa che non è andata nel verso giusto ma siamo stati anche penalizzati. Fa parte del gioco, siamo stati sfortunati e il rigore non c’era, Dispiace perché dopo prestazione simile, con otto palle gol create, vengono fuori sempre gli errori. che ci condannano. E’ giusto andare a casa, perché su un campo così andare fuori in questo modo brucia tanto. Ci è mancata cattiveria, penso che siamo più forti e più squadra di loro ma loro ci hanno messo più cattiveria. E’ troppo facile venire qua e dare colpe ai singoli. Non voglio depressione, dobbiamo rivedere più di una volta la partita. Venire qui e giocare questo calcio e poi uscire così fa male. Quando andiamo in campo aperto dobbiamo fare male, noi facciamo il solletico. Commettere errori quando prepari le stesse cose è assurdo: non si può prendere un’imbucata del genere su calcio d’angolo. Non abbiamo fatto passi in avanti sul piano della personalità e della cattiveria rispetto all’anno scorso”.

Sui campioni che non fanno la differenza, su tutti Higuain e Calhanoglu:

“Higuain non è stato disastroso. Nelle conclusioni abbiamo sbagliato tanto, ma la prestazione è stata positiva. Dovevamo concretizzre. Sicuramente meglio Higuain di Calhanoglu”.

Sugli episodi e la qualità del Milan:

“Potevamo fare male sulle ripartenze, poi loro hanno avuto più occasioni. Il rigore non c’è, faccio fatica ad accettarlo dopo averlo rivisto 5-6 volte. Non cerchiamo alibi, ma bisogna dire tutte le cose: i palloni lanciati in campo non fanno bene al calcio e a una società forte come quella dell’Olympiacos, che ha giocato più del Milan in Europa negli ultimi anni. Non abbiamo perso per colpa dell’arbitro, ma perché siamo stati dei polli”.

Sulla gestione del girone e l’atmosfera del Karaiskakis:

“Conoscevo già l’ambiente che avremmo trovato, ma i tifosi non giocano. Noi abbiamo commesso troppi errori. Quando ho visto il girone sapevo che sarebbe stato difficile passare il turno, contro 2 squadre forti. Abbiamo avuto la sfortuna di giocare qui l’ultima anche se potevamo gestirla meglio. Abbiamo dimostrato per l’ennesima volta che a livello di concentrazione e di malizia dobbiamo migliorare”.

Su Salvini che ha detto che quella di stasera è una figuraccia:

“Ha detto bene, è stata una figuraccia, Non ce lo deve dire lui, lo sappiamo bene. Non siamo andati ai sedicesimi e ci assumiamo le nostre responsabilità. SIcuramente dobbiamo chiedere scusa ai nostri milioni di tifosi, non solo a Salvini”.

Sui cambi:

“Ho sbagliato sostituzioni e mi assumo la responsabilità. Poi prendiamo gol al 90′ ed è colpa di due attaccanti in campo. Troppo facile parlare dall’altra parte”.

CONDIVIDI
Ragazzo del '99, amo il calcio, argomento di cui parlerei tutto il giorno se fosse possibile. Studio le lingue straniere, adoro la letteratura francese ed il mio sogno, dopo aver viaggiato qualche anno all'estero, sarebbe lavorare e vivere quotidianamente nel mondo del pallone.