#MilanJuventus, Montella: “Nel finale non c’è stata intraprendenza. Biglia? E’ sensibile, ma credo in lui”

Intervenuto ai microfoni di Sky Sport al termine della gara, il tecnico Vincenzo Montella ha commentato così la sconfitta per 2-0 del suo Milan contro la Juventus: “Abbiamo preparato la partita in modo aggressivo, la Juve – ha detto Montella – può fare male in ogni modo con la sua qualità. La gara è stata equilibrata fino a quando abbiamo avuto la forza, siamo stati penalizzati da due giocate di un fuoriclasse. La squadra non è stata premiata, ha avuto le stesse occasioni della Juve. Ci credevo molto, dispiace. La squadra è stata in gara fino a quando ha avuto la forza, nel finale non c’è stata intraprendenza. Peccato, ma abbiamo giocato contro una squadra estremamente forte”.

Identità e senso di appartenenza? “Dispiace, ora bisogna assorbire la sconfitta. Ma c’è la magra consolazione di aver fatto bene contro una squadra forte e consolidata. Quarto posto? Penso ad avere continuità, la nostra è una squadra che se cresce può fare un buon filotto e riprenderci quello che abbiamo perso in queste settimane”.

I gol di Higuain? “E’ stato bravo, un’intuizione. Bisogna dire bravi agli avversari”.

Cosa ne pensa di Kessié e Bigla? “Il primo ha diciannove anni, non dimentichiamolo, è la sua prima esperienza in un grande club. Biglia sta soffrendo un po’ questa situazione di risultati, è un ragazzo molto sensibile. Credo molto in lui, ha una grossa personalità”.

Come giudica la squadra? “I miei ragazzi sono calciatori bravi, diventeranno bravissimi. La Juve ha già giocatori bravissimi, è tutto di chiara lettura”.

CONDIVIDI
Ciao a tutti. Mi chiamo Giuseppe ed ho 21 anni. Frequento la facoltà di Culture digitali e della Comunicazione alla Federico II di Napoli e, oltre che appassionato di scrittura di articoli calcistici, amo la musica e suono la chitarra da circa dieci anni.