#MilanJuventus 0-2, tabellino e pagelle: un superbo Higuain abbatte i rossoneri

Uno dei due anticipi della 11^ giornata di Serie A c’è il big-match tra Milan Juventus.

Un risultato positivo sarebbe importantissimo per i rossoneri, che ricucirebbero il rapporto con i tifosi scontenti. Gli uomini di Allegri, invece, per agganciare il Napoli in vetta alla classifica.

Milan (3-4-2-1): Donnarumma G.; Zapata, Romagnoli, Rodriguez; Abate (61′ Antonelli), Kessiè, Biglia (61′ Locatelli), Borini; Suso, Calhanoglu (76′ André Silva); Kalinic. 

A disp.: Donnarumma A., Storari, Gomez, Paletta, Musacchio, Antonelli, Mauri, Locatelli, Montolivo, Zanellato, Andrè Silva, Cutrone. All.: Vincenzo Montella.

Juventus (4-2-3-1): Buffon; Lichtsteiner (65′ Barzagli) Rugani, Chiellini, Asamoah (70′ Alex Sandro); Pjanic, Khedira (80′ Matuidi); Cuadrado, Dybala, Mandzukic; Higuain.

A disp. Szczesny, Pinsoglio, Alex Sandro, Barzagli, De Sciglio, Sturaro, Marchisio, Bentancur, Matuidi, Bernardeschi, Douglas Costa. All.: Massimiliano Allegri.

PRIMO TEMPO
Il Milan rischia di sbloccarla dopo appena 3′ con una punizione di Ricardo Rodriguez: la palla calciata dallo svizzero, diretta verso l’angolino destro, viene respinta da Buffon con un gran colpo di reni. Al 19′ Dybala cestina una ottima occasione dal limite dell’area. Il suo tiro, centrale, viene bloccato facilmente da Donnarumma. Il gol è nell’aria e, infatti, arriva: a siglarlo è uno dei più attesi, Higuain, che scambia la palla col suo compagno appena fuori area e trova lo spazio per concludere. La palla si insacca sulla destra. Al 37′ Suso prova a dare la scossa, ma il suo tiro dal limite è troppo debole per impensierire Buffon. Al tramonto della prima frazione di gioco, i rossoneri vanno ad un’unghia dal pareggio con Kalinic, che dopo aver ricevuto un ottimo pallone si trova a tu per tu col portiere avversario, bravo a deviare la sua conclusione ravvicinata sulla traversa.

SECONDO TEMPO
L’occasione giusta la ha ancora una volta il Milan: i rossoneri si affidano ancora una volta a Suso, che al 55′ supera Asamoah e dal fondo mette in mezzo trovando di nuovo Kalinic. Il suo tiro viene però deviato da un difensore in calcio d’angolo. Al 59′ la Juventus reagisce e, dopo un’azione ben manovrata, va al tiro dal limite con Dybala, che però servito da Higuain spara altissimo. Il Milan non è in palla e subisce le offensive bianconere, fino al gol del 2-0 al 63′: Higuain, in serata di grazia, riceve palla dopo un velo di Dybala e con un destro preciso insacca alle spalle di Donnarumma. Dieci minuti più tardi, la Juventus sfiora il colpo del k.o.: da una punizione di Dybala dalla sinistra colpisce di testa Chiellini, che spedisce la palla di poco alta sopra la traversa. Ormai è un monologo juventino, che al 76′ conclude ancora in porta, questa volta con Dybala, autore di uno splendido tiro al volo: la conclusione, però, è potente ma centrale e Donnarumma in due tempi blocca.

Obiettivo raggiunto: troppo forte questo Higuain e questa Juventus per il Milan. Riuscito, dunque, l’aggancio in vetta alla classifica al Napoli, che domani si vedrà se saprà replicare nel match contro il Sassuolo.

Marcatori: Higuain (JUV) 23′ 63′
Ammoniti: Kessie (MIL),
Espulsi: –
Tiri (in porta): Milan 11 (4) – Juventus 9 (4)
Possesso palla: Milan 54% – Juventus 46%
Note: recupero p.t. 2′; recupero s.t. 4′
Arbitro: Paolo Valeri (sez. Roma 2)

TOP 90 – Gonzalo Higuain (JUV): l’argentino sfoggia le sue armi migliori nel pomeriggio di San Siro. Giocate tutte giuste e precisione chirurgica in zona gol, come ormai ha abituato a vedere. Il ‘Pipita’ è tornato e raggiunge quota 101 gol in Serie A.

FLOP 90 – Lucas Biglia (MIL): da un argentino all’altro, ma quello dei rossoneri è tra i peggiori. Il giocatore a cui sono consegnate le chiavi del centrocampo del Milan viene sostituito al 61′, chiaro segnale di bocciatura da parte di Montella.

CONDIVIDI
Ciao a tutti. Mi chiamo Giuseppe ed ho 21 anni. Frequento la facoltà di Culture digitali e della Comunicazione alla Federico II di Napoli e, oltre che appassionato di scrittura di articoli calcistici, amo la musica e suono la chitarra da circa dieci anni.