#MilanInter, i comunicati del club sulla questione biglietti

derby inter milan

In seguito al rinvio del derby, fissato lo scorso 4 marzo, a causa della morte di Astori, nelle ultime ore ha tenuto banco in casa di Milan Inter, la questione relativa ai biglietti venduti per la gara rinviata. Nella giornata di oggi, entrambi i club hanno informatoni tifosi a riguardo con dei comunicati, pubblicati nei loro corrispettivi siti.

Questo il comunicato rossonero: “A seguito del rinvio del Derby di Milano, che si giocherà il 4 aprile alle ore 18.30, AC Milan intende condividere le seguenti informazioni utili con tutti i tifosi in possesso di un biglietto per la partita:

– tutti i biglietti emessi per la data del 4 marzo sono validi per il recupero del 4 aprile;
– i tifosi che non potranno assistere alla partita, avranno la facoltà di cedere il biglietto ad altro utilizzatore mediante il servizio di cambio nominativo. Qualora l’abbonamento sia stato precedentemente ceduto ad un altro utilizzatore, l’operazione di cambio nominativo dovrà essere ripetuta.
Inoltre, al fine di agevolare i propri tifosi che non potranno essere presenti al recupero del 4 aprile né cedere i titoli in loro possesso, AC Milan ha previsto la possibilità di richiedere un voucher, di pari valore dei biglietti non utilizzabili, spendibile per le prossime partite di Campionato che saranno disputate a San Siro fino alla fine della corrente stagione sportiva.
A partire da mercoledì, nella sezione biglietteria del sito ufficiale, saranno disponibili ulteriori approfondimenti sulle modalità di richiesta del voucher, tutti i dettagli operativi sull’utilizzo dei biglietti già emessi nonché le date dell’apertura delle vendite dei biglietti residui”.

Questa, invece, la nota neroazzurra: “In relazione al recupero del Derby di Milano, in programma mercoledì 4 aprile alle ore 18.30, FC Internazionale Milano dichiara di essere in attesa di comunicazioni da parte della società AC Milan sulla possibilità di effettuare rimborsi ai tifosi di Secondo Anello Verde che volessero farne richiesta, considerata l’impossibilità di offrire loro un buono valido per una delle prossime cinque partite casalinghe del club rossonero”.

Guarda Anche...

CONDIVIDI