Milan, Suso: “A San Siro non è andata bene, dobbiamo provarci. Non c’è nulla da perdere”

Suso

Suso, esterno offensivo del Milan, ha parlato quest’oggi in conferenza stampa alla vigilia del match di EL contro l’Arsenal. Queste le sue parole riportate da tuttomercatoweb.com:

Sulla partita di domani: “A San Siro non è andata bene, dobbiamo provarci. Sarà una partita bella, noi dobbiamo continuare a migliorare e provare a vincere”.

Sull’Arsenal: “Non deve interessare quello che fanno loro, come usciranno in campo. Dobbiamo pensare a noi stessi, se faremo un gol nel primo tempo sarà molto meglio perché potrebbe condizionare la partita. Però dobbiamo entrare in campo senza l’ansia di fare un gol veloce, perché altrimenti rischieremmo di lasciare troppi spazi alle loro ripartenze veloci”.

Sulla gara di andata: “Non c’è nulla da perdere, è una partita in cui la tensione c’è. Giochiamo contro una squadra grande, in uno stadio così bello. Per me era più difficile preparare la gara di Genova, e abbiamo fatto molto bene. Abbiamo sbagliato a San Siro, ma se domani giochiamo da squadra sono sicuro che avremo le nostre possibilità”.

Ancora sui Gunners: “Penso che il campionato inglese sia molto competitivo. Tutte le squadre sono forti e hanno ottimi giocatori, con grandi allenatori. L’Arsenal non vive il suo momento migliore, ma hanno un ottimo allenatore e ottimi giocatori. Se fanno le cose come si deve, miglioreranno”.

Sul calcio di Wenger: “Sono un’ottima squadra, che gioca un bel calcio”.

Sulla rimonta della Juventus contro il Tottenham: “Penso che sono una squadra che non si arrende mai, che prepara bene le partite. Chi pensava che il Tottenham sarebbe passato facilmente non conosce la Juve: sono forti in difesa e in attacco, hanno una mentalità che fa la differenza. Ho sempre pensato che la Juventus sarebbe passata”.

Guarda Anche...

CONDIVIDI
Due cose ha in comune con Buffon: la data di nascita e la passione per il calcio. Da sempre tifoso del Milan, è un amante del calcio anni '60: a volte intervista Di Stefano e Pelé, poi si sveglia.