Milan, senti Abate: “Possiamo lottare per i posti di vertice”

Ignazio Abate, esterno rossonero, ha parlato nella classica conferenza stampa del match day. Stasera infatti al San Siro andrà in scena il recupero della 1 giornata di serie A che vedrà contrapposte Milan e Genoa. Di seguito l’intera intervista del numero 20 rossonero che ha parlato anche del rapporto con Gattuso e dei suoi primi 10 anni al Milan.

GATTUSO PRIMA E DOPO LA PANCHINA – “In un certo senso sono molto simili. Decisi, con azioni istintive, hanno entrambi a cuore le sorti della nostra società. Da compagno ho preso qualche schiaffone in più, ma anche ora devo stare attento.

10 ANNI AL MILAN – “E’ sempre un onore e una gioia indossare questa maglia, quella che ho sempre sognato da ragazzino. Indimenticabile l’anno dello scudetto e quello dell’esordio, con Allegri il periodi più forte del mio Milan”.

COSA MANCA PER TORNARE GRANDI – “Non manca molto, questa squadra ha qualità ma deve fare il salto di mentalità. Possiamo lottare per i posti di vertice”.

GIORNATA TIPO – “Semplicissima: sveglia alle 7, porto i figli a scuola e alle 8.15-20 vengo a Milanello. Poi torno a casa, vado a prendere i figli e sto a casa con loro”.

GENOA – “Sfida difficilissima, gli ultimi anni abbiamo sofferto molto contro di loro: sono molto fisici e corrono tanto, dovremo giocare con rabbia, magari essere meno belli ma per prendere i tre punti a ogni costo”.

CONDIVIDI
Vincenzo, classe 1998, amante del bel calcio e della Juve. Il mio preferito: Roberto Baggio, IL GIOCATORE.