Sono iniziate a circolare stamattina alcune voci, partite dalle pagine del quotidiano La Repubblica, riguardanti un possibile impiego di Paolo Scaroni, ex ad dell’Eni e consigliere del nuovo Milan di proprietà cinese, come nuovo presidente dei rossoneri nel caso in cui il fondo americano Elliott assumesse il controllo del club, prendendo il posto di Yonghong Li.

Tutte queste indiscrezioni sono state però prontamente smentite dallo stesso dirigente d’azienda, che ha parlato ai microfoni dell’ANSA ed ha rivelato che tutte queste voci sono false ed irrealizzabili. Il 70enne ha infatti affermato che l’attuale ruolo di presidente del club non è in discussione e che, in ogni caso, lo stesso ruolo non farebbe per lui.

Ecco le parole di Scaroni:
“Nel Milan c’è un unico proprietario, è presidente della società e non è in discussione in alcun modo il ruolo di presidente. Se mai dovesse porsi il problema non è il mio mestiere fare il presidente di una squadra di calcio. Tanto più che io sono tifoso del Vicenza”.

CONDIVIDI