Il Milan è ancora in attesa di conoscere il proprio futuro in Europa League e tra una settimana, il 19 giugno, la UEFA si esprimerà in merito alla possibile esclusione della Coppa europea. I segnali da Nyon non sono positivi ed il Milan prepara la controffensiva.

Secondo quanto riportato da La Gazzetta dello Sport, la dirigenza rossonera vuole appellarsi al TAS di Losanna, ovvero, il massimo organo tecnico e giudiziale. Il tribunale chiamerà un 2 giudici: uno della UEFA ed uno del Milan, più presidente che dovrà decidere chi avrà ragione in merito. I tempi per la sentezza saranno di 7-10 giorni e la sentenza della UEFA potrebbe esser ribaltata in una semplice multa con l’ammissione all’Europa League.

Il presidente del Milan, Yonghong Li, vuole dimostrare in tutti i modi la solidità economica della società con l’aumento anche del valore dopo gli acquisti dello scorso anno.

 

CONDIVIDI
Campano di nascita e siciliano d'adozione, classe 93' e passato da terzino destro. Ho successivamente capito che rendo meglio da giornalista che come calciatore.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008