L’allenatore del Milan Vincenzo Montella è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia del match di campionato contro l’Atalanta. Di seguito le sue parole.

Sull’Atalanta: “È una squadra esempio per quest’anno, è bello confrontarsi con loro. In questo momento è una squadra modello, complimenti sinceri a Gasperini. Sarà una gara stimolante e difficile, la vivo come una finale, vale moltissimo. Per noi vale di più, mi aspetto una gara aggressiva, e mi auguro di vedere un’Atalanta un po’ distratta dal nuovo inno“.

Su Montolivo: “Ci è mancato molto il capitano, è un giocatore d’esperienza e dopo tanto tempo lo vedo pronto. Non so se per novanta minuti ma conta la sua esperienza, c’è l’intenzione reale che possa iniziare lui la partita“.

Su Romangoli: “Non è nelle condizioni ottimali, stringe i denti. Vediamo tra oggi e domani“.

Sul modulo: “Il sistema di gioco non è statico, e non c’è un sistema vincente. L’importante è che rimangano i principi di gioco che abbiamo usato tutto l’anno“.

Sulla condizione del Milan: “La squadra a livello fisico sta molto bene, la qualità degli allenamenti si è alzata, dati alla mano. Dobbiamo allontanare qualche ansia, dobbiamo giocare con aggressività e allo stesso tempo spensieratezza. Il mio compito è questo, i ragazzi devono giocare più liberi mentalmente“.

Sul saluto a Galliani: “Ho vissuto un momento toccante, tutti noi abbiamo visto ancora di più il mondo Milan, la sua grandezza“.

Sulla gara con la Roma: “Sul lato fisico abbiamo prodotto più della Roma, in quella partita abbiamo dimostrato invece che con la testa abbiamo faticato“.

Sul futuro al Milan: “Sento la stima della società in maniera netta, la società si è esposta in maniera chiara pubblicamente e privatamente. Sono contento di allenare il Milan, so bene che quando non ci sono i risultati si possa essere messo in discussione mediaticamente. Questa cosa non mi turba. Sono in una società gloriosa e sono felicissimo di restarci“.

Su Romagnoli: “Si sta allenando parzialmente, stiamo cercando di metterlo a disposizione domani. Stiamo provando diversi moduli“.

Ancora sul futuro: “Qualche rumors l’ho letto, ho letto che la conferma è dovuta all’entrata o meno in Europa. Dobbiamo pensare al presente e alla partita di domani e non pensare al futuro, anche se le chiacchierate con il direttore Mirabelli si fanno“.

Lapadula e Bacca: “Il primo è più nella manovra, il secondo più utile alla finalizzazione. Stanno entrambi bene e hanno tanta voglia di giocare“.

Sulla gara di domani: “Abbiamo delle esperienze personali e di gruppo per poter giocare con più spensieratezza, domani ci proveremo“.

Sull’Atalanta: “Ha dimostrato nell’arco dell’anno di avere un grande spirito, Gasperini ha dimostrato di avere giocatori forti e di personalità merita la posizione in classifica. Questo mi stimola particolarmente“.

Atalanta e Lazio sono più forti: “Se hanno più punti evidentemente si, contano le alchimie, il campionato deve scivolare su un certo binario, se hanno più punti allora probabilmente sono più forti“.

Su Suso: “Può giocare ovunque, nell’ultimo periodo è meno brillante ma domani giocherà perchè è un giocatore molto forte“.

Su Plizzari in Nazionale: “Sono molto contento, abbiamo dato l’ok. Va a giocare un mondiale sotto età, ed è un orgoglio per il Milan“.

Sull’Europa League: “La parte finale della competizione ti avvicina alla Champions, ho l’ambizione di raggiungere questo obiettivo e anche i giocatori devono averla“.

CONDIVIDI
Capo-redattore di Novantesimo.com. Cresciuto nel calcio di fine anni '90 e inizio 2000, l'amore per lo sport è scoccato fin da subito. La mia passione si divide tra calcio, economia e storia, che porto avanti con €uroGoal e Storie Di Calcio.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008