Milan, Montella a MP: “Vittoria pesante. Suso? Mai pensato di metterlo sul mercato”

Vincenzo Montella

Il tecnico del Milan Vincenzo Montella ha parlato della vittoria dei rossoneri questa sera contro il Cagliari. Ecco le parole dell’allenatore campano ai microfoni di Mediaset Premium, riportate da milannews:

Sulla gara: “Era l’ultima partita di un ciclo ravvicinato. La squadra ha iniziato in maniera ottimale la gara, passando in vantaggio. Poi abbiamo un po’ rallentato, il Cagliari è stato bravo a prendere campo, abbiamo preso gol su un disimpegno. Vittoria pesante nell’arco di un campionato, spero ne possano accadere altre”.

Su Suso e le voci di mercato: “Suso fa parte del progetto Milan, importantissimo, stimatissimo dalla parte tecnica. La società lo stima tanto. Non abbiamo mai pensato di metterlo sul mercato. Lo scorso anno alla fine ha avuto la pubalgia e ha sofferto un po’”.

Su Montolivo: “Un encomio a Montolivo, ha disputato una partita straordinaria, vedo un giocatore molto cresciuto rispetto allo scorso anno. Veniva da un infortunio pesante, chi sa che anche aver ceduto la fascia lo abbia reso più sereno”.

Sullo striscione contro Niang: “Non ho letto, il pubblico ha il diritto di esprimere la propria opinione”.

Su André Silva: “C’è posto per tutti e tre, non tutti i giocatori possono giocare tutte le partite per 90 minuti”.

Su cosa c’è da migliorare: “Dobbiamo migliorare nella continuità di gioco, nella gestione della partita, vogliamo ambire a traguardi importanti. Nel secondo tempo ci siamo allungati un po’, mi piace lo spirito, mi piace che la squadra scenda in campo sempre per vincere. Le virtù vanno mantenute, bisogna lavorare sui difetti e si lavora meglio quando si vincere”.

Sulla pausa: “Servono più agli allenatori e allo staff che ai giocatori, ne vanno via diciassette e quindi dubito abbiano il tempo di riposarsi”.

Sul ruolo di Montolivo come interno: “Lo può fare. Oggi ha fatto una buona partita da play e da interno. E’ un giocatore molto duttile. Ha anche il tiro, mi aspettavo riuscisse anche a segnare, ha qualità. Kessie e Calhanoglu? Sono complementari, Kessie più forte fisicamente, Calhanoglu ad inserirsi negli spazi. Montolivo dà equilibrio”.

CONDIVIDI
Classe 1997, studente di Culture Digitali e della Comunicazione presso l'Università Federico II di Napoli. Da sempre appassionato di calcio, con il sogno di diventare giornalista. Web content e Social Media Manager per il Napoli Calcio a 5.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008