Milan, il fondo Elliott rifiuta un’offerta da 600 milioni per la cessione del club

CORI RAZZISTI – ULTRAS INTER SOLIDALI CON MILAN – ABETE RISPONDE A GALLIANI: NORMA EUROPEA

Solidità e lungimiranza: sono queste le due parole che possono descrivere al meglio il progetto Milan pianificato dal fondo Elliott, che ha prelevato la società dal cinese Yonghong Li e intende portarla ai livelli di un tempo. 

Il fondo americano intende rimanere ai vertici del club rossonero per diverso tempo e sarebbe disposta anche a rifiutare offerte faraoniche da parte di altri fondi e imprenditori, cosa che è accaduta proprio di recente. 

E’ questo ciò che scrive La Repubblica, quotidiano secondo il quale gli statunitensi avrebbero rifiutato una proposta da ben 600 milioni di euro per la cessione del club arrivata dalla Repubblica Ceca. 

L’imprenditore interessato all’acquisto del club sarebbe Daniel Kretinsky, avvocato e presidente dello Sparta Praga che, nel 2015, si piazzò nono nella classifica, stilata da Forbes, dei cittadini cechi più ricchi, con una patrimonio di circa 450 milioni di euro. 

Il fondo Elliott ha declinato l’offerta, rifacendosi al loro obiettivo di un progetto triennale a tinte rossonere, che ora può vantare della collaborazione di un manager di fama internazionale come Ivan Gazidis

CONDIVIDI