A pochi giorni dal 222esimo derby della Madonnina, l’attaccante del Milan Gonzalo Higuain è intervenuto sulle colonne de La Gazzetta dello Sport per esternare il proprio benessere da quando è arrivato a Milano, sponda rossonera: “Mi sento bene, sto attraversando un momento di forma ottimo e quindi lo sto sfruttando, anche grazie a un mister capace di esprimere il calcio che piace a me. Spero che tutto continui così. Al Milan è come se mi fossi tolto 4-5 anni. Sono tornato all’epoca di Napoli e ne sono felice.”

River Plate, Real Madrid, Napoli, dove ha raggiunto il record di gol in Serie A, Juventus e oggi Milan: Gonzalo Higuain ha vissuto la propria vita calcistica sui migliori palcoscenici al mondo: “Milanello è il calcio, il Milan mi ha dato qualcosa in più dopo un Mondiale non bello, ho trovato quello che stavo cercando. Nello spogliatoio l’approccio è stato bellissimo. Sono solo dispiaciuto per la classifica perché meriteremmo di stare più in alto, ma per il resto mi sento in un momento buonissimo della mia vita sia a livello mentale che professionale”.

Sull’influenza che può avere su Patrick Cutrone, che si sta rivelando il suo alter ego rossonero: “Io non mi considero maestro di nessuno. Se lui mi vede come esempio mi rende orgoglioso e significa che ho fatto cose buone nella mia carriera. Allenarmi con lui spero lo aiuti ed è un piacere sentirgli dire queste cose”.

CONDIVIDI
Guardo e studio il calcio da 20 anni con gli occhi di un bambino che vede Ronaldinho in azione per la prima volta.