Intervistato da 7corriere il portiere rossonero ha rilasciato le seguenti dichiarazioni sulla sua vita, sulle sue passioni e sulle sue paure: “Come mi disegno? Con una mano, rappresenta me stesso. Il mio eroe è mio fratello, che disegno con il numero 32: per me è sempre stato un esempio e continua ad esserlo. Cosa penso quando la palla si avvicina alla porta? Spero di essere grande abbastanza da far vedere piccola la porta all’avversario”.

Sulla Nazionale e sulla famiglia

La Nazionale per me è sempre stato un sogno. Dopo la partita mangio pasta al pomodoro, che mia mamma cucinava sempre dopo le partite. Nel tempo libero mi piace stare con la mia famiglia e con la mia fidanzata, che purtroppo sono lontani, e capita che a volte sia da solo.

Hobby e paure

Mi piace molto giocare alla play, sto anche delle ore, ma studio prima. Casa? Per me casa è amore, la mia famiglia: mio papà, mia mamma, mia sorella, mio fratello, la mia ragazza, mia nonna e mio cognato. Di cosa ho paura? Dell’aereo, una paura normale, prima non ne avevo, ora di più. E in un’altra vita vorrei essere tennista, ho già fatto il calciatore e mi sarebbe piaciuto giocare a tennis”.

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008