Milan, Calabria: “Juventus forte ma partiamo da 0-0, fondamentale vincere prima della pausa”

calabria-davide

Terminate le vacanze, il Milan torna in campo per preparare le prossime partite, di cui le prossime due avranno un valore significativo per la stagione rossonera. Sabato la squadra di Gattuso affronterà la Sampdoria in Coppa Italia, competizione da non sottovalutare, per poi giocarsi la Supercoppa Italiana contro la Juventus mercoledì 16. La pausa natalizia ha permesso quindi al Milan di riposarsi e di presentarsi in forma per gli impegni che attendono Gattuso a breve, come sostiene Davide Calabria: “Ci siamo ritrovati bene, la pausa invernale serve proprio per ricaricare le pile soprattutto a livello mentale“, spiega il terzino rossonero a Milan TV, che poi prosegue: “Nell’ultimo periodo abbiamo avuto qualche giocatore fuori, la pausa ci ha aiutato a recuperare soprattutto quelli che hanno giocato di più. Abbiamo iniziato bene, il mister ci ha lasciato un programma da eseguire durante le vacanze”.

Calabria descrive poi il momento della squadra, che nell’ultima partita del 2018 ha vinto in casa contro la Spal: “Più vinci, più mentalmente riesci a giocare libero, serenamente. La vittoria prima della pausa è stata fondamentale, perché ci permette di lavorare più tranquillamente”.

Tra due giorni partirà la Coppa Italia del Milan, come spiegato precedentemente: “Negli ultimi tre anni abbiamo fatto due finali, è un obiettivo importante per noi. Siamo arrivati due volte in fondo, ma purtroppo non è andata bene nelle gare con la Juve. Vogliamo arrivare fino in fondo in questa competizione. Arrivare con una vittoria alla Supercoppa ci darebbe morale”.

Attenzione successivamente traslocata sulla Supercoppa e in particolare sull’avversario, la Juventus: “Che sia la favorita lo dicono tutti e lo diciamo anche noi, hanno un percorso molto più lungo rispetto al nostro. Hanno giocatori già pronti a livello europeo, mentre noi siamo una squadra in costruzione. Partiamo da sfavoriti, ma si comincia 0-0 e ce la metteremo tutta”.

La crescita di Calabria negli ultimi anni è stata significativa ed ora il terzino rappresenta un elemento più che valido all’interno della rosa di Gattuso: “Giocare una finale a 18-19 anni e giocarla a 22-23 è una cosa diversa. Sono passati tre anni e ho tante partite in più. Sono tante piccole cose che ti portano a migliorare e diventare un giocatore completo. Si può migliorare in tutto, ma sono contento di come sono cresciuto da calciatore”. A proposito del suo rendimento, è da sottolineare la sua duttilità tattica: “Tutti questi ruoli li ho fatti anche da piccolo, quindi avevo una base. Posso farli tutti, mi adeguo. Un sogno per il 2019? Vincere la Supercoppa e passare in Coppa Italia sarebbe un buon inizio”.

CONDIVIDI
15/10/99 Redattore di Novantesimo