Il giovane attaccante portoghese Andrè Silva, prestato dal Milan al Siviglia dopo una prima stagione in rossonero per nulla facile, non verrà riscattato dal club andaluso al termine della stagione.

Al classe 95′, valutato circa 38 milioni dalla società meneghina, verrà cercata una sistemazione nel corso dell’estate, nonostante le alte richieste economiche del Fondo Elliott.

Nel caso in cui non dovessero essere recapitate offerte allettanti, il cartellino del giocatore potrebbe essere utilizzato come contropartita all’interno di altre operazioni.


Gli andalusi non vogliono investire 38 milioni di euro previsti dal riscatto, con i rossoneri che lo riaccoglieranno a Milanello prima di gestire il futuro. La prima opzione è quella della permanenza, con il portoghese che dovrà giocarsi il posto con Piatek e Cutrone. La seconda è una nuova cessione, anche se la società di Elliott dovrebbe trovare un acquirente pronto a investire la cifra del famoso riscatto oppure dovrà essere inserito come contropartita in un affare più “pesante”.

CONDIVIDI