Milan, Bonucci: “Club puntuale e corretto. Gattuso collante che mancava”

Bonucci

Il difensore e capitano del Milan Leonardo Bonucci ha parlato oggi per Milan TV di svariati argomenti e tematiche, passando dal momento positivo dei rossoneri al derby di Milano; queste le sue dichiarazioni, riportate da Milannews: “Prendiamoci questo grandissimo momento di felicità e trasformiamolo nella voglia di continuare a crescere e migliorare”.

Il pensiero su Gennaro Gattuso: “Sedersi sulla panchina del Milan, pur avendo lui avuto una grande storia da giocatore rossonero, non era facile. C’erano tante pressioni quando è arrivato, anche troppe per quelle che si merita un tecnico che arriva su una panchina nuova. Però è stato bravo nel calarsi nella mentalità di questa società e a trasmetterci quella che lui aveva acquisito negli anni da giocatore del Milan. E’ riuscito a rimettere insieme i pezzi del puzzle. Ora siamo una macchina che va, che però deve essere migliorata in ogni punto di vista. Non smette mai di ripeterci ogni giorno quanto la maglia del Milan sia importante e quanto vada onorata ogni volta che si scende in campo sia in allenamento che in partita”.

Sull’inizio di stagione rossonero, al di sotto delle aspettative: “Gli schiaffi che abbiamo preso ci hanno permesso di migliorare e farci crescere soprattutto come uomini. Poi è arrivato Gattuso, che ha saputo unire oltre all’uomo, anche le doti di ogni singolo calciatore. Adesso guardiamo avanti, il passato conta relativamente, solo per i punti in classifica. Se non ci poniamo limiti, questa squadra può crescere e dire tanto negli ultimi 3 mesi”.

Gli ennesimi complimenti al tecnico: “Quello che mi ha trasmesso sin da subito è stato ciò che ha detto durante il suo primo discorso, in cui ha fatto sentire importante ogni singolo individuo. Credo che da lì sia scattata la molla. Poi c’è voluta qualche partita per mettere insieme e incollare tutti i pezzi, però sin dal primo discorso si era capito che la musica sarebbe cambiata”.

L’importanza del lavoro e del sacrificio: “Il lavoro paga sempre e quando provi e riprovi le cose e trovi affiatamento tutto viene più facile. La fase difensiva è migliorata per merito di tutta la squadra, attaccanti e centrocampisti compresi. Per noi difensori è più facile capire i tempi di uscita e di scappata. Va tanto merito al mister per averci messo questa cultura del lavoro”.

Sul derby di Milano: “Il derby è una partita a sè, ma noi vogliamo vincere per racimolare punti per la corsa Champions. L’Inter sarà in fiducia dopo aver vinto con il Benevento, ma noi dovremo essere bravi a stare attaccati alla partita, perchè sono sicuro che un gol lo faremo. Il derby è una partita particolare, contano gli attributi che si metteranno sul campo per arrivare alla vittoria”.

Il sostegno dei tifosi:  “Credo che ai tifosi vada solamente detto grazie per come ci son stati vicini nei momenti peggiori. A inizio anno l’entusiasmo era scemato con i risultati deludenti. Ora il calore e il supporto è aumentato con le ultime prestazioni e gli ultimi risultati. Io ho sempre portato rispetto ai tifosi per i sacrifici che fanno e noi dobbiamo ripagarli”.

Su Icardi: “Icardi è un grande attaccante a livello internazionale. Ci sarà bisogno di una grande fase difensiva di tutta la squadra. Noi come linea difensiva cercheremo di dar meno spazio possibile. All’andata ha fatto una grande partita”.

Il pensiero su Alessio Romagnoli, compagno di reparto dell’ex Juve: “Quando giochi tanto con lo stesso partner impari a conoscerlo e sai dove puoi aiutare l’altro e viceversa. Anche Cristian si è fatto trovare pronto contro il Ludogorets e siamo riusciti a finire la partita senza subire gol. Alessio ha fatto un grande miglioramento dall’inizio dell’anno. Ha trovato fiducia in sè stesso e ora sta bene. E’ uno dei talenti che era in voga in Italia, adesso stiamo costruendo qualcosa di importante e mi auguro che per il futuro della Nazionale continui a migliorare”.

Sul gioco espresso dalla squadra: “Si sapeva sin dall’inizio che avevamo qualità per fare grande calcio. Ci mancava il collante per mettere a posto tutti i pezzi. Lo abbiamo trovato con Gattuso e la crescita di ognuno di noi”.

Su Cutrone: “Patrick ha il talento di chi vuole arrivare e di chi non molla niente. Per fare una grande carriera non deve perdere mai questa caratteristica. A volte prende qualche richiamo, perchè, per la giovane età, guarda al gioco-non gioco. In una squadra quello non è importante, ma andare nella stessa direzione. Quello che mi ha stupito più di tutti in questo momento è Davide Calabria. Aveva bisogno di fiducia e adesso sta dimostrando di essere un prodotto importante sia per il Milan che per l’Italia”.

Il futuro dei giovani rossoneri per la rinascita della Nazionale: “Me lo auguro e lo spero vivamente. C’è bisogno di giovani pronti ad indossare la maglia della Nazionale, per competere contro nazionali blasonati che hanno giocatori giovani ma calati perfettamente nella mentalità nazionale ed europea. Prima facciamo questo progresso di crescita e più facile sarà per il Milan arrivare a degli obiettivi e per la Nazionale tornare ad essere la Nazionale a cui tutti portavano rispetto negli anni passati”.

Sulla società: “La società sta dimostrando grande puntualità e grande correttezza al di là di tutto quello che viene detto all’esterno. Il presidente è presente ogni giorno, anche se vive in Cina”.

Su Milan-Arsenal: “Sono abituate a sfidarsi su altri palcoscenici. Entrambe le società stanno vivendo un ridimensionamento e un nuovo ciclo. L’Arsenal ha delle individualità importanti soprattutto dal centrocampo in su. Noi dovremo fare la differenza come collettivo e sono fiducioso che potremo mettere in difficoltà una squadra importante come l’Arsenal”.

Sul tifo del figlio, grande supporter del Toro e fan accanito del Gallo Belotti: “Milan o Juve gli interessa poco, basta che lui abbia la maglia del Toro (sorride, ndr)”.

Guarda Anche...

CONDIVIDI