Milan, Biglia esclama: “Leonardo e Maldini? Emozionante incontrarli”

Il centrocampista del Milan Lucas Biglia ha analizzato l’avvio del Milan targato Gennaro Gattuso attraverso i microfoni di Sky Sport.

Ecco le sue parole: “Dobbiamo vincere perché dobbiamo continuare a dare segnali a noi stessi che siamo in crescita, che abbiamo qualità, che veramente possiamo arrivare al nostro obiettivo fissato in estate. In partita può succedere di tutto, ma l’importante è prepararsi mentalmente”.

Sull’importanza di Gattuso: “Nei suoi confronti, da parte mia c’è una parola di rispetto enorme. Io devo ringraziarlo al cento per cento se sono ancora qua e se sto giocando. Ho avuto anche la fortuna di giocarci contro, in Belgio nel 2006, ora averlo come mister è un piacere. Spero di ripagarlo in campo nella miglior maniera. Non ti lascia un secondo per rilassarti, ti sta sempre dietro per farti dare il meglio“.

Sul milanismo trasferito da Leonardo e Maldini: “Incontrare gente come loro è forte. Al mister siamo abituati perché lo vediamo tutti i giorni, ma incontrare Leonardo e Maldini è forte. A volte mi vergogno, è un’emozione. Un paio di settimane fa ho chiesto una foto a Gattuso e lui mi ha mandato a quel paese (ride, ndr). È un’emozione forte, vogliamo ascoltare le loro parole, ci danno forza e voglia di continuare. Vogliamo veramente arrivare ai nostri obiettivi”.

Su Higuain: “La prima cosa che mi auguravo era che il gruppo lo accogliesse nella miglior maniera, è quello che gli serve. Quando si sente a casa esprime il suo meglio. È quello che mi auguravo. Dopo il brutto Mondiale, si meritava quello che sta succedendo ora. Quando ho visto che i ragazzi lo apprezzavano ho capito che avrebbe espresso le sue qualità. Ora sta aiutando anche i giovani, è un vero uomo”.

Sul paragone tra Icardi e Higuain: “Sono i due giocatori più importanti di Milan e Inter. Higuain è il più forte fra noi e Mauro è quello più forte dell’Inter. A noi interessa quello che fa Higuain”.

Su Suso: “Dico subito che è vero quello che ha detto su di lui Gonzalo dopo il Chievo. Quando lo incontravo in Nazionale mi diceva sempre che avrebbe voluto giocare con Suso e che gli piaceva tantissimo. Sono felice che si siano incontrati. Jesus ha un potenziale grandissimo, lo ha dimostrato anche in Nazionale. Speriamo che continui a crescere perché può diventare fortissimo

Sul derby come bivio per la Champions: “Certo, sono punti importantissimi contro una squadra contro cui lotteremo per la Coppa”

CONDIVIDI
Classe 1994, studia Scienze Politiche e Relazioni Internazionali. Sabino di nascita e napoletano di adozione, coltivo la passione per il calcio e per la scrittura tanto da analizzare tutto ciò che ruota intorno a tale sport. Obiettivi futuri? Descrivere un calcio che unisce e da speranza a tutte le persone, senza differenze tra colori e categorie.