Protagonista di un’intervista rilasciata ai microfoni di TMW Radio, l’agente del calciatore del Milan e della Nazionale Italiana Andrea Conti, Mario Giuffredi, ha parlato del suo assistito e di come sta affrontando il bruttissimo infortunio patito, ovvero la rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio sinistro.

Il procuratore ha affermato che, dal punto di vista psicologico, il terzino ex Atalanta sta benissimo ed è carico per il suo ritorno in campo, in occasione del quale ha intenzione di ritornare più forte di prima. Successivamente, lo stesso Giuffredi ha parlato di tutti i messaggi di solidarietà dalle varie personalità del calcio italiano ed ha concluso dicendo che il 23enne si è confermato mentalmente straordinario per come ha reagito a questo brutto stop e che non sarà proprio quest’ultimo a fermarlo da diventare un grande calciatore.

Ecco le parole di Giuffredi:

Come sta Conti? “Dal punto di vista psicologico sta benissimo. Si è operato, è andato tutto bene. È carico, pronto per ripartire e quanto prima tornare in campo più forte di prima. Dal punto di vista psicologico l’ha presa molto bene perché sa che nel calcio può accadere un infortunio del genere. Va avanti con la consapevolezza di tornare in campo, magari tra quattro mesi, più forte di prima”.

Ha ricevuto tanti bei segnali di sostegno da parte dei compagni di squadra e degli altri club. “Dopo l’infortunio mi sono reso conto quanto Andrea sia diventato importante per il calcio italiano, sia come giocatore sia come persona. Ha ricevuto messaggi da dirigenti di altre società, da personaggi importanti del mondo del calcio, da campioni… Zanetti, Reina gli hanno mandato messaggi di solidarietà, ma soprattutto tanto affetto dai giocatori del Milan e dai tifosi che gli hanno anche dedicato uno striscione nella gara contro l’Udinese. Questo fa capire l’importanza che in così poco tempo ha avuto Andrea nel Milan. Questo dà ancora più forza al ragazzo”.

Anche in ottica Nazionale Andrea è molto importante. “Lui è un giocatore mentalmente e caratterialmente straordinario. Farà una carriera straordinaria. Non sarà questo incidente a fermarlo”.

CONDIVIDI