So che Borja cambia squadra, è un giocatore di classe e non è un caso che lo volessi quando ero alla Roma”. Con queste parole Luciano Spalletti risponde alla domanda sul centrocampista della Fiorentina, che da un paio di settimane è diventato l’obiettivo numero uno dei nerazzurri.

Risposta chiara e senza troppi giri di parole, in questo modo Spalletti conferma l’interesse per Borja in occasione della consegna del Premio Ceravolo tenuta a Catanzaro e con queste dichiarazioni avvicina ancor di più il numero 20 viola all’Inter, che potrebbe diventare il primo rinforzo per Spalletti.

La chiusura della trattativa non è ancora ufficiale, i primi giorni della prossima settimana dovrebbero essere decisivi per il passaggio di Borja in maglia nerazzurra, resta solamente da trovare l’intesa economica tra le due squadre (l’Inter offre 5 milioni, la Fiorentina ne chiede almeno 8 ma i due club sono vicini ad un accordo sul cartellino). Borja dunque è ad un passo alla cessione all’Inter, è pronto a salutare Firenze dopo 5 anni in maglia viola per confrontarsi con una nuova piazza e soprattutto per mettersi a disposizione di Spalletti, ammiratore dello spagnolo fin dai tempi di Roma.

RUOLO DI BORJA Alla Fiorentina ha giocato spesso in fase offensiva, ha ricoperto anche l’interno di centrocampo ma la posizione in cui ha mostrato pienamente il suo valore è stata proprio in attacco, precisamente da trequartista in 4-2-3-1 o altri moduli. Dopo un inizio complicato in cui Borja ha fatto molta fatica ad integrarsi negli schemi di Sousa, nel girone di ritorno grazie all’avanzamento in attacco Borja ha decisamente migliorato le sue prestazioni, poco incisivo in zona gol è vero (solo una rete in campionato) ma è stato parecchio determinante con i suoi assist. Col passaggio all’Inter, Borja potrebbe cambiare ruolo ma agirà ancora in fase offensiva e con il 4-2-3-1, modulo principale della scorsa stagione, lo spagnolo prenderebbe posizione nei tre dietro ad Icardi, in modo da avere molta libertà nelle azioni d’attacco nerazzurre, potendo contribuire ancora in chiave assist e magari sbloccarsi anche dal punto di vista delle reti.

ALTRE MOSSE Oltre a Borja Valero, l’Inter pensa anche a rinforzare il reparto difensivo e l’obiettivo principale di Ausilio continua ad essere Skriniar della Sampdoria. La trattativa è ben avviata, l’unico scoglio che al momento blocca l’affare riguarda le pretese economiche della Samp, che chiede 25 milioni per il difensore. Per abbassare questa cifra l’Inter è pronta ad inserire Caprari come contropartita, visto il bisogno dei doriani di comprare attaccanti. Si registrano altri affari sempre per quanto riguarda l’asse Milano-Genova, questa volta sponda rossoblù, con Pellegri ad un passo dall’Inter. Il giovane attaccante costerà 12 milioni e rimarrà al Genoa per due anni in prestito, mentre dal Pescara è in arrivo il centrocampista classe ’99 Coulibaly.

IN USCITA Dopo aver parlato dei colpi in entrata dell’Inter, è giusto concentrarsi anche su coloro che a breve potrebbero salutare i nerazzurri. Perisic è sempre cercato dal Manchester United, anche se da diversi giorni la trattativa non ha subito accelerazioni. In difesa Murillo ha diverse richieste dalla Premier e dopo una stagione complicata è pronto a dire addio all’Inter. Gabigol, come riporta il suo agente, verrà ceduto in prestito e le prime offerte provengono da Inghilterra e Spagna, Las Palmas in grande vantaggio. A breve sarà ufficializzata una doppia cessione, con Banega e Jovetic che passano al Siviglia per un incasso totale di circa 20 milioni o poco meno. E, viste le esigenze dell’Inter di incassare per evitare penalizzazioni dovute al fair-play finanziario, durante l’estate non sono escluse partenze eccellenti che porterebbero grande guadagno alle casse nerazzurre.

Il mercato dell’Inter s’accende.

CONDIVIDI
15/10/99 Redattore di Novantesimo

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008