MARIO GALTERISI – On the road…da Torino a Napoli, passando per Riccione: il punto sul mercato

Galterisi

Otto agosto fa caldo. Otto agosto fa caldo e potrebbe sembrare tutto normale, almeno fin quando ad ogni angolo non senti qualcuno che sbuffa e si lamenta di un caldo anomalo, di estati che non erano mai state così torride, del buco dell’ozono, della massoneria che ci vuole fritti sotto al sole di Riccione, Milano, Roma, Napoli e chi ne ha più ne metta. È agosto deve fare caldo.

E siccome è agosto e non voglio far perdere anche voi dentro ad un telefono, cercherò di essere breve e coinciso perchè la notte è giovane. In periodo di viaggi ne facciamo uno da Torino fino a Napoli.

Partiamo subito in casa Juventus. La Juve ha bisogno di un centrocampista di qualità, i fasti del passato riemergono rumorosamente, vanno bene i vari Pjanic e Khedira, ma 2 anni fa il centrocampo bianconero vantava un trio Vidal Pirlo Pogba da top club. Quindi se si vuole puntare davvero alla tanta agognata Champions, il prossimo centrocampista bianconero deve essere un calciatore in grado di far fare il salto di qualità ad una squadra già forte e non un 30enne a fine contratto per fare un favore ad un procuratore che di favori ne riceve già abbastanza.

Da Torino ci spostiamo un po’ più a Est, Milano è torrida e vuota di questi tempi, a raffreddarla ci pensano Milan e Inter. Il Milan conscio di una campagna acquisti faraonica ha spinto consapevolmente sul freno in attesa di cessioni e almeno per questi ultimi botti di qualche sconto di fine estate. Tutti hanno un prezzo e tutti cedono prima o poi.
L’Inter invece ha messo a segno il colpo Dalbert, in una trattativa lampo iniziata ad Aprile, risparmiando ben 10 milioni. Chapeau! In un mercato in cui i soldi non contano più niente (chiedere a Neymar senior e junior) c’è bisogno di gente aziendalista (chiedere ad Agnelli e co.).

Scendendo più a sud, breve sosta a Firenze. Pioli è solo, attende altre cessioni illustri (Kalinic? Babacar? Chiesa? La società?), mentre cerca di impartire i propri dettami a gente che farà parte o meno di una vera e propria rivoluzione.

Proseguendo verso Roma. La Lazio continua la sua politica del “non si fa mercato” entra se qualcuno esce. C’è uno status quo da rispettare, nessun si muova.
La Roma, dal canto suo, dopo essere stata zimbello dei social ha iniziato a pensare al proprio mercato. Mahrez è una pista rovente ma Monchi fa muso duro, le alternative ci sono ma non sono quelle che fanno impazzire i tifosi.

Finalmente a Napoli. Qui di gente nuova nemmeno l’ombra. Ci sono i vecchi, macchine perfette negli schemi di mister Sarri, ma alcuni ingranaggi si inceppano ancora è questo immobilismo potrebbe costare molto caro a chi si specchia troppo nella sua bellezza.

Meta raggiunta un viaggio tra le strategie delle 7 regine della serie A al sapore di estate. Intanto il campionato parte e si riaccendono le stelle.

 

CONDIVIDI
Mario Galterisi, caporedattore di Novantesimo. Architetto, laureato presso la Facoltà di Architettura dell'Università Federico II di Napoli. Graphic designer free-lance. Addetto stampa presso IBar Academy. Amo il calcio come poche cose ed è una delle poche costanti che trascende i miei interessi.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008