Domenica si è concluso l’ennesimo campionato di Serie A, la gente ha gioito, esultato, ma ha anche pianto, eccome se ha pianto. Questo campionato è stato un vero disastro ma in coda ci ha regalato un turbinio di emozioni che ci ha fatto ricordare perchè amiamo questo sport più di ogni altro. Mancano solo tre mesi ad un nuovo campionato, pochi per chi ci sta dentro, troppo per chi sta fuori. Il campionato tornerà tra poco, tra troppo ma quante cose non torneranno.

Non tornerà, ce lo auguriamo, un campionato già scritto e finito da tempo.

 

Non tornerà la Juventus da leggenda, quella capace di vincere 6 scudetti di fila. Certo potrà vincere ancora, ma i record sono stati già scritti.

Non tornerà Silvio Berlusconi e il suo amato Milan, passato ai cinesi, con una trafila straziante per tutti.

Non tornerà Maurizio Zamparini e la sua fama da mangiallenatori. Adesso molti potranno dormire tranquilli.

Non tornerà Simone Inzaghi, il traghettatore, ma tornerà Simone Inzaghi, allenatore affermato.

Non tornerà Daniele De Rossi da capitan futuro, ma solo da capitano della sua Roma.

Non tornerà il calcio senza tecnologia. Ma un calcio meccanico, quasi robotico, per evitare di continuare a dare fiato a troppe bocche, che cercano attenuanti ai loro fallimenti dietro a ipotesi complottistiche.

Non tornerà il Sant’Elia, lo storico stadio del Cagliari, che verrà ricostruito nei prossimi anni.

Non torneranno i vari Perisic, salutato nell’indifferenza di San Siro, Palacio, senza sussulti, Gonzalo Rodriguez, da capitano della Fiorentina, Migliaccio, Raimondi, Honda, Carrizo e altri che saluteranno per sempre il nostro campionato.

Ma più di tutti mi mancherà e non tornerà Francesco Totti, cavolo se mancherà. Dopo 25 anni saluta Roma e, non ne siamo sicuri ma non lo speriamo perchè siamo romantici, il calcio. Si sono spese, milioni di parole per descriverlo e salutarlo. Noi ci limitiamo ad un “ciao Francè, grazie per quello che sei stato”.

CONDIVIDI
Mario Galterisi, caporedattore di Novantesimo. Architetto, laureato presso la Facoltà di Architettura dell'Università Federico II di Napoli. Graphic designer free-lance. Addetto stampa presso IBar Academy. Amo il calcio come poche cose ed è una delle poche costanti che trascende i miei interessi.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008