Dopo una lunga attesa e il tanto agognato sorteggio dei gironi, è ufficialmente iniziata la nuova stagione europea. Tre squadre in Champions League e tre squadre in Europa League a rappresentare il calcio italiano, con una netta differenza. Disastro in Champions e successo in Europa League: si può riassumere così il primo passo europeo delle italiane. Da una parte abbiamo JuventusRomaNapoli, che chiudono con un totale di 1 punto raccolto, mentre dall’altra MilanAtalantaLazio, tutte vittoriose per un totale di 9 punti.

Partiamo dalla massima competizione europea, dove le italiane hanno trovato non poche difficoltà. La Juventus è caduta al Camp Nou contro un Barcellona in grande spolvero guidata dal solito mostruoso Messi. La compagine bianconera ha provato a costruire ma è finita per essere surclassata dai catalani. È andata un po’ meglio alla Roma, uscita con 1 punto dall’Olimpico contro l’Atletico Madrid. Gran parte del pareggio è dovuto al portiere giallorosso Alisson, Che ha più volte salvato il risultato con parate prodigiose. Lo stesso destino dei bianconeri è toccato anche al Napoli, tornato sconfitto dalla trasferta contro lo Shakhtar. I partenopei si sono svegliati troppo tardi e non sono riusciti a completare la rimonta contro la compagine ucraina.

Come detto, alle rappresentative italiane in Europa League è andata molto meglio. Il Milan ha dilagato 1-5 contro il mal capitato Austria Vienna. Dopo i quattro gol subiti contro la Lazio, mister Montella ha varato il 3-5-2, e si sono visti importanti progressi, soprattutto nella fluidità di gioco. Ovviamente l’avversario non era di primissima fascia, però grazie a questa vittoria i rossoneri riacquistano morale in vista del match di campionato contro l’Udinese. Grande, grandissima, sontuosa prestazione dell’Atalanta, che rifila tre gol al più quotato Everton. “Mai fidarsi delle italiane” disse Koeman in conferenza stampa, e aveva ragione: la squadra di Gasperini disputa un grande match, chiudendo la pratica già nel primo tempo. Chiudiamo con la Lazio, l’unica italiana ad avere avuto qualche difficoltà di troppo. Alla fine è arrivata la vittoria contro il Vitesse, dopo una doppia rimonta e il gol decisivo segnato, come in Supercoppa, da Murgia.

La prima giornata delle due competizioni europee è terminata. Poteva andare meglio, ma poteva andare anche peggio. È pur sempre la prima partita, e per certi aspetti le squadre possono essere ancora un po’ sulle gambe rispetto a quando la competizione entrerà nel vivo. L’auspicio, e anche la possibilità, è che tutte e sei le squadre riescano a raggiungere la fase a eliminazione diretta. Per alcune sarà più semplice, per altre più complesso, però il rilancio del calcio nostrano passa anche da questo, e sarà fondamentale riuscire a portare più squadre italiane possibili alla fase successiva delle due competizioni.

CONDIVIDI
Capo-redattore di Novantesimo.com. Cresciuto nel calcio di fine anni '90 e inizio 2000, l'amore per lo sport è scoccato fin da subito. La mia passione si divide tra calcio, economia e storia, che porto avanti con €uroGoal e Storie Di Calcio.

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008