Il presidente del CONI Giovanni Malagò ha commentato ai microfoni di RMC Sport Network la recente vicenda che ha visto contrapposti Milan e UEFA.

Queste le sue parole riportate da tuttomercatoweb.com: “Sarei un pazzo se dicessi qualcosa di diverso da quanto letto.

Aspettiamo metà giugno, fino a quella data ogni supposizione lascia il tempo che trova. È chiaro che fino a quella data il Milan deve stare fermo”.

Danno d’immagine sia per l’Italia che per il Milan? “Sì, però in questo momento mi sento di dire che è un problema, ma lo è di più per la società.

Altre società hanno avuto a che fare col fair play finanziario, questo è un caso particolare perché è venuto meno anche il settlement.

Non mi pare che l’UEFA abbassi l’asticella dei parametri richiesti, anzi ho l’impressione che in futuro si vada verso la richiesta di maggiori garanzie”.

CONDIVIDI
Giornalista pubblicista dal 2017, tifoso del Milan dal 1996. Nato a Catania, studia giurisprudenza e ama scrivere di calcio ed attualità. Ha pubblicato un libro dal titolo "CircoStanze" con la casa editrice "Prova d'Autore".

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008