L’ultima partita del decennio

Foto Cafaro/LaPresse 29 Ottobre 2019 Castellammare di Stabia, Italia sport calcio Juve Stabia vs Pescara - Campionato di calcio Serie BKT 2019/2020 - Stadio Romeo Menti. Nella foto: Forte Francesco (S.S. Juve Stabia) esulta dopo aver segnato la rete dell'1-1. Photo Cafaro/LaPresse October 29, 2019 Castellammare di Stabia, Italy sport soccer Juve Stabia vs Pescara - Italian Football Championship League BKT 2019/2020 - Romeo Menti stadium. In the pic: Forte Francesco (S.S. Juve Stabia) celebrates after scoring the 1-1 goal.

Juve Stabia-Cosenza, sintesi di un decennio in 90 minuti. Il presente che sfida il passato. Fabio Caserta contro Piero Braglia, a cui non servono presentazioni. 2010-2020, una vita, una storia, quella gialloblù, ricca di emozioni, con due promozioni(firmate Caserta e Braglia) e tante vittorie. Ci sono state anche sconfitte, alcune delle quali hanno lasciato segni profondi. Ma nulla si può dimenticare poiché tutto è servito ed ha contribuito a portare la Juve Stabia, Caserta e Braglia dove sono ora. In serie B. L’uno contro l’altro. L’allenatore dei calabresi incontra una squadra nuova, rinnovata, con il solo Mezavilla(oggi assente) come costante del suo vecchio gruppo. Il campo di Castellammare di Stabia lo conosce bene e non lo sottovaluta. Il Romeo Menti può essere un fattore, Piero Braglia lo sa. Gli 11 titolari interpretano la gara come il mister vuole. Ordinati, attenti, senza mai rischiare davvero. Nella prima frazione di gioco le vespe non riescono ad imporre il proprio gioco e a lanciare Canotto. Spicca tra i suoi Francesco Forte, preziosissimo anche quando è costretto a far respirare i suoi compagni salendo un po’ di più. Momento d’oro per lui, ad un passo dalla rete anche nei primi 45 minuti di gioco su calcio di punizione. A dire di no all’ex Inter un super Pietro Perina. Nella seconda frazione di gioco è l’allenatore gialloblù a farsi sentire. La Juve Stabia rientra dagli spogliatoi più aggressiva, spigliata, arrogante al punto giusto. Con un atteggiamento così, l’ultima gara di questo decennio non sarebbe potuta finire sullo 0-0. A rendere incredibile anche gli ultimi istanti di partita, Francesco Forte, che è in salute, segna e si diverte. Ancora un altro goal per lui, su calcio di rigore, concesso dall’arbitro al 43esimo. Esulta Caserta, dopo aver sofferto con i suoi ragazzi per tutta la partita. Al fischio finale festeggia il Romeo Menti. La squadra, insieme allo staff, si abbraccia calorosamente. Poi tutti sotto la curva. È passato qualche mese da quel “meritiamo di più”. Acqua passata. Ora si festeggia e si canta in sincronia. Tifoseria, calciatori, e allenatore. Come una cosa sola.

CONDIVIDI

Warning: A non-numeric value encountered in /web/htdocs/www.novantesimo.com/home/wp-content/themes/Newspaper/includes/wp_booster/td_block.php on line 1008