#LuganoBasilea 2-2, Covilo e Junior rimontano il doppio svantaggio

LuganoZurigo 05.08.2017

Allo Stadio comunale di Cornaredo si sono affrontate due squadre alla ricerca di miglior fortuna: il Lugano era reduce da due prestazioni insufficienti contro San Gallo e Neuchâtel Xamax; il Basilea (ridimensionato rispetto alle scorse stagioni) aveva ottenuto solo 12 punti in 8 incontri.

Nei primissimi minuti dell’incontro non si è registrata nessuna particolare occasione, con le due squadre intente a prendere le misure. Al 7′ sùbito una grande occasione per il Basilea: al termine di una bella combinazione a un tocco Ajeti ha servito Van Wolfswinkel, la cui rasoiata in direzione del secondo palo è terminata a lato. Due soli minuti più tardi gli ospiti si sono portati in vantaggio: Ajeti si è liberato di Yao, si è diretto verso l’area bianconera e ha servito Zuffi, abile ad insaccare sul secondo palo un rigore in movimento. I padroni di casa non sono tuttavia riusciti a reagire, dimostrando anche una certa mancanza di idee e di certezze. La terza occasione del primo tempo è ancora renana: al 22′ Da Costa ha alzato sopra la traversa un tiro di un ispirato Ajeti. L’unica opportunità del Lugano, e l’ultima del primo tempo, è capitata a Covilo, il cui colpo di testa su punizione di Sabbatini al 26′ è terminato oltre la traversa. I restanti 20 minuti sono stati insipidi e contraddistinti da ritmi bassi, con i Ticinesi incapaci di reagire e con i rossoblu apparentemente soddisfatti del parziale. 

La seconda frazione si è aperta con una doccia fredda: al 50′ Ajeti ha segnato il raddoppio dopo una combinazione nell’area bianconera. Due minuti più tardi i padroni di casa hanno accorciato: su un calcio di punizione di Vecsei è stato vincente il colpo di testa di Covilo. Al 60′ il Basilea avrebbe potuto tornare a due lunghezze, ma il tentativo di Zuffi è stato deviato da Amuzie. È stato un Lugano migliore rispetto al primo tempo, e intorno al 70′ ha proposto una fiammata che non ha sortito effetto. Il pareggio sembrava un traguardo possibile, ed è stato raggiunto all’82’: su un lancio di Yao Covilo ha fatto da torre e Gerndt ha proposto un passaggio a tagliare l’area sul quale si è avventato Junior anticipando gli avversari. Nei restanti 8 minuti il Basilea ha provato a tornare in vantaggio, non riuscendoci e andando persino vicino alla sconfitta: sugli sviluppi di un corner a tempo scaduto il tiro di Gerndt ha colpito la rete esterna della porta difesa da Hansen. 

Il Lugano, al pari delle ultime uscite, ha regalato la prima frazione agli avversari; il Basilea, tuttavia, si è accontentato dello 0-1 prima e dello 0-2 poi e ne ha pagato le conseguenze, subendo il 2-2 finale. Determinante ai fini del risultato l’avanzamento di Covilo, dominante nel gioco aereo nell’area rossoblu. 

FC Lugano (3-5-2): Da Costa 6; Amuzie 5, Sulmoni 6, Yao 5; Masciangelo 5.5, Sabbatini 5.5, Covilo 7, Vecsei 6 (55′ Brlek 6), Crnigoj 5.5 (88′ Abedini s.v.); Bottani 5 (56′ Junior 6.5), Gerndt 5.5. A disp.: Russo; Krasniqi; Fazliu; Janko. All.: Abascal.

FC Basel (4-2-3-1): Hansen 6; Widmer 5.5, Cömert 5.5, Frei 5.5, Riveros 5; T. Xhaka 5.5, Serey Die 6; Van Wolfswinkel 5.5, Zuffi 6.5 (91′ Pululu s.v.), Bua 5.5 (68′ Okafor 5.5); Ajeti 7. A disp.: Signori, Konstantinos, Oberlin, Petretta, Kalulu. All.: Koller.

ARBITRO: Sig. Erlachner (Zürcher, Sangiovanni, Schärli)

MARCATORI: Zuffi (FCB) al 9′, Ajeti (FCB) al 50′; Covilo (FCL) al 52′, Junior (FCL) all’82’

AMMONITI: Covilo (FCL) al 19′, Vecsei (FCL) al 39′, Sabbatini (FCL) al 78′, Gerndt (FCL) al 90+1′

ESPULSI: –

NOTE: Recupero: 1′, 4′; 4’364 spettatori

TOP NOVANTESIMO: Covilo 7 – Segna il gol dell’1-2 ed è coinvolto anche nella rete del pareggio. Sia davanti alla difesa che nell’area avversaria riesce a giganteggiare e a fare la differenza.

FLOP NOVANTESIMO: Amuzie 5 – Al suo esordio (già dal 1′) non riesce a dare certezze e, insieme a Yao, è autore di tutta una serie di sbavature dalle conseguenze più o meno gravi.

CONDIVIDI
Luganese, alle prese con gli studi di Diritto a Neuchâtel, nel proprio tempo libero unisce volentieri i suoi interessi per la scrittura e per il calcio, occupandosi della squadra della sua città.